Veterinaria

Veterinaria: l'osteosintesi, una speranza per il futuro

Oggi la riparazione delle fratture dei cavalli è possibile: non è un miracolo ma una possibilità che, nelle mani di un chirurgo esperto, porta alla guarigione e anche al recupero agonistico.

facebook

Horse Ambulance, un'associazione per il pronto soccorso ai cavalli

001_mini.jpg

Fondata nel 1998, da un gruppo di volontari, veterinari e non, a cui stava a cuore la salute del cavallo atleta durante le competizioni, Horse Ambulance mette a disposizione delle ambulanze attrezzate per cavalli (Horse Amb.ulance), l’esperienza dei propri associati, la competenza dei suoi professionisti, le strutture mobili di laboratorio (Horse Amb.ulance lab.) e di terapia (Horse Amb.ulance Fisio.) per una completa e sicura assistenza durante l’allenamento e le competizioni del cavallo atleta.

facebook

La Nomenclatura della Mascalcia

2656514_high.jpg

La lingua italiana consente a determinati settori di acquisire dei vocaboli che sono spesso conosciuti solo nello specifico ambito in cui operano. Degli esempi li possiamo avere sia nel “gergo medico”, in quello “burocratese” e nell’ambito sportivo, basti pensare al pugilato.

facebook

Condizioni fisiche del cavallo: valutarle con un metodo scientifico

La Tabella di Henneke - Don R. Henneke, PhD., della Tarleton State Texas University, sviluppò la tabella valutativa delle condizioni fisiche del cavallo, che porta il suo nome, nel 1983. Lo scopo originario del sistema era quello di stabilire la fertilità della fattrici magre.

facebook

Test sull'interazione in vivo tra lidocaina e flunixin

cavalli01.jpg

La Kansas State University sta conducendo una ricerca sugli effetti dell'interazione tra due farmaci (lidocaina e flunixin), comunemente somministrati insieme, ai cavalli dopo un operazione chirurgica.
I farmaci sono somministrati per alleviare le sofferenze e i problemi del tratto gastrointestinale a cui i cavalli sono soggetti.
La ricerca sta dimostrando che i farmaci sui cavalli cavalli, non hanno la stessa interazione, potenzialmente pericolosa, mostrata nei test in vitro.

facebook

Il 10 % dei cavalli è portatore di Stafilococco Aureo (MRSA)

cavalli-1.jpeg

Un recente studio belga ha scoperto che il 10% dei cavalli è portatore di un ceppo di Stafilococco Aureo resistente alla meticillina nelle cavità nasali.
E' facile che i cavalli portatori di (MRSA) sviluppino essi stessi infezioni, o che diffondano i batteri agli altri animali o all'uomo.

facebook

Riparare i tendini del cavallo, e dell'uomo?

tendine.jpg

Cura "da cavallo" per riparare i tendini di Achille
Una notizia apparsa su iltamtam.it tuona così: "Sui cavalli da corsa funziona, ed adesso si proverà anche nell'uomo". 
Sta infatti per essere testata in Gran Bretagna una tecnica che impiega cellule staminali per riparare lesioni al tendine d'Achille.
Una'azienda biotech britannica ha infatti annunciato che comincerà i test clinici sull'uomo nel giro di 12 mesi, e prevede di svolgere successivamente, ovvero nel 2011, uno studio più ampio in diversi ospedali europei.

facebook

La Laminite

Laminite4.jpg

E’ una grave patologia, purtroppo ancora molto frequente nelle nostre scuderie, causata da una serie di fattori che possono anche dipendere da una non corretta gestione degli animali; è proprio in virtù di ciò che mi preme,tramite questo breve articolo, ricordare quali sono i tratti salienti della patologia per poter evitare banali errori che però possono avere conseguenze devastanti per i cavalli.

facebook

Iniezioni di fattore di crescita aiutano il processo di guarigione delle ossa

radiografia.jpg

Ricercatori giapponesi della "Obihiro University of Agriculture and Veterinary Medicine" di Hokkaido hanno scoperto che microsfere di gelatina contenenti bFGF, un fattore autocrino di crescita, rendano più veloce il processo di guarigione dei danni ossei.
La ricerca pubblicata nel numero di dicembre del "American Journal of Veterinary Research", riguarda il trattamento di danni al terzo metacarpo (MC3s) di 6 purosangue, indotti sperimentalmente.

facebook

Palm Beach - Sangue nei polmoni, ma ancora sconosciute le cause delle 21 morti

PoloPony.jpg

L'esame post-mortem dei 21 pony da polo che sono morti in Florida è stata completata velocemente, mostrando la presenza di sangue e fluidi nei polmoni.
Tuttavia le autorità credono, con sempre maggiore convinzione, che la causa della morte possa essere trovata in una tossina o in un avvelenamento.

facebook

Centri Ippici

  • show jumping usa
facebook