Cavalli e Mitologia: Balio e Xanthos

Advertisement
balio e

La mitologia greca racconta la storia di due cavalli immortali nati da Zefiro il vento dell’Ovest e dall’Arpia Podarge.
Questi due magnifici cavalli (“balios“ significa pezzato, pomellato e “Xanthos“ significa giallo, fulvo, baio) avevano il dono della parola concessagli da Era ed erano guidati da Auromedonte, il cocchiere di Achille.
Nati sulle rive dell’Oceano, e dati da Poseidone a Peleo come dono di nozze,  Achille li condusse a Troia e li prestò a Patroclo quando questi condusse i Mirmidoni in battaglia. Alla morte di Patroclo i due cavalli piansero amaramente e Zeus ebbe pietà di loro, rimpianse di averli donati a un mortale costringendoli a restare coinvolti nelle sofferenze di quelle miserabili creature. Diede loro la forza di sfuggire a Ettore e così fecero ritorno alle linee greche.
Quando Achille tornò in battaglia criticò i due cavalli per non aver riportato Patroclo sano e salvo, e Xanto ricordò ad Achille che Patroclo non era morto a causa loro ma perché Apollo aveva decretato la sua fine per dare gloria a Ettore, e aggiunse anche che la morte dello stesso Achille era prossima. Le Erinni lo ammutolirono improvvisamente e da allora Xanto non parlò più. Achille dichiarò che la profezia della sua morte non gli era nuova poiché l’aveva già udita in gioventù.
In seguito, quando Achille uccise Ettore, ne legò il cadavere al proprio cocchio, tirato dai due cavalli Balio e Xanto.

fonte mitologia.dossier

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
avantea logo
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo