Face Time Bourbon: un miracolo della natura che nasce ogni 20 anni.

Advertisement
FTB arrivo

Si suol ripetere:“abbi fortuna e dormi“. In realtà non è sufficiente se ad accompagnare la dea bendata non si aggiunge anche molto altro. Quanto accaduto ieri all’ippodromo di Vincennes ne può essere testimonianza andando a ritroso e riavvolgendo il nastro del come si è giunti al bis di Face Time Bourbon nel Gran Prix d’Amerique la corsa di trotto più sognata da qualsiasi proprietario fin dal giorno in cui acquista un puledro. Anche Antonio Somma, broker di Castellammare di Stabia, con una passione infinita per i cavalli si era portato presso l’allevamento di Rainer Engelke, ex banchiere amburghse, per acquistare un giovane trottatore quel Express Bourbon un 2 anni su cui però non trovò l’accordo economico. Non male considerando le sole 4 vittorie con meno di 82 mila euro vinti ad oggi da quel cavallo, ma la vera fortuna quel giorno era dietro l’angolo.Mentre stava per andare via, Somma fu invitato dall’allevatore tedesco ad osservare un puledro nato nel marzo 2015 chiamato Face Time Bourbon (ad Engelke piace aggiungere a tutti i suoi nati il nome della via di Parigi, Quai de Bourbon, dove abita) e il broker stabiese lo acquistò per 180 mila euro lasciando allo stesso ex banchiere una quota di proprietà del cavallo. Non fu il solo a beneficiare di quella che poi sarà una inattesa fortuna in quanto Antonio Somma consegnò 1 quota di proprietà del cavallo anche al socio storico Renato Bruni, una all’allenatore Guarato e una al proprietario di scuderia lo svizzero Pierre Pilarsky. tutti si può dire baciati dalla dea bendata se si considera che ad oggi Face Time Bourbon vince qualcosa come 2.700.000 euro in 34 corse disputate con 29 vittorie e 4 secondi posti. A questa somma vanno aggiunte le 210 monte effettuate nel 2020 e le oltre 300 prenotate per il 2021 che si può immaginare si incrementeranno ulteriormente dopo la vittoria di ieri. Fa comunque strano oggi ricordare quanto dichiarò al termine della vittoria nell’Amerique 2020 l’allevatore amburghese a proposito di FTB: “ Non si capisce come abbia fatto un cavallo del genere a vincere. Dorme prima e dopo la gara. quando gli altri cavalli sono entusisti di scendere in pista lui resta al passo. Tutto è diverso in lui.Anche le ginocchia sono malformate. Diversi grandi professionisti l’hanno rifiutato per questo motivo. E’ un miracolo della natura. Succede ogni 20 anni“. Una dichiarazione che chiaramente ingigantisce i meriti e l’intuito di Somma nel decidere l’acquisto. Con la vittoria di ieri FTB affianca nell’Albo d’oro nomi prestigiosi di cavalli che hanno bissato il successo nell’Amerique: Gelinotte, Jamin, Tidalium Pelo, Offshore Dream, Varenne, Bold Eagle oltre a Ready Cash a cui FTB deve la vita. Naturalmente considerata l’età si può augurare al fuoriclasse portacolori della Bivans di riprovarci nell’edizione 2022 dell’Amerique e provare a raggiungere alcuni dei campioni che hanno vinto per ben 3 volte di seguito a corsa parigina quali ad esempio Ourasi, Roquepine e Bellino II. Noi naturalmente ce lo auguriamo anche perchè l’ippica italiana ha bisogno di questi successi e di questi grandi campioni per rilanciarsi e riportare l’attenzione dei media su questo stupendo sport naturalmente con tutta la passione del pubblico riammesso sulle tribune. (Bruno Delgado)

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
avantea logo
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo