Milano. Un Gran Premio D’Italia al cardiopalma

Advertisement
Domenica al'Ippodromo di San Siro, Milano

A sorpresa il grigio Budrio mette tutti d’accordo.

Erano assenti i primi 6 cavalli all’arrivo del Derby ma si sa che, come a scuola, gli assenti hanno sempre torto ed infatti l’edizione 2023 del Gran Premio D’Italia (Listed, mt.2400 pista grande €42.900) non ha tradito le attese.

Merito ai 3 anni che hanno sfidato il caldo estivo senza tener conto della gradazione del terreno anche se, va aggiunto, questa corsa rappresentava, nel periodo, l’ultima occasione per mettersi in mostra.

Tra i tredici cavalli dichiarati partenti mancava un netto favorito, cosa confermata al betting dove ben cinque cavalli venivano dati a 7 con identica perplessità manifestata da quanti attenti osservatori al tondino nel pre-gara.

All’apertura delle gabbie schizzava in avanti PERMARE montato da Maikol Arras ben presto affiancato e poi superato da CUSANO che guidava il nutrito gruppo avendo al suo esterno Spirit Horse. I cavalli si allargavano e si chiudevano a ventaglio sul rettilineo finale creando uno strano effetto onda.

La svolta agli 800 finali quando a centro pista progrediva il grigio BUDRIO che si trovava ad ingaggiare una serrata lotta con SOPRAN BLAKEY che solo sul palo d’arrivo cedeva in favore del portacolori della Razza Latina dovendosi accontentare della seconda moneta mentre all’esterno di tutti era la femmina TAANY, allenata da Luciano Vitabile ad ottenere la terza posizione..

Il vincitore allenato da ENDO BOTTI e ottimamente interpretato da ALESSIO SATTA ha mostrato di gradire più di altri terreno e in particolare la distanza come confermato dallo stesso fantino che all’arrivo, con molta semplicità, ha affermato ai microfoni di aver montato un cavallo che nei 200 metri finali :“ Si è messo sulle gambe da solo”.

In chiusura va annotato che nel Premio Estate-Memorial Arturo Brambilla i commissari di gara intervenuti d’autorità hanno invertito l’ordine di arrivo retrocedendo al secondo posto WIDE SEA ed assegnando la vittoria ad ARABIAN LEGEND per contatto accertato in dirittura d’arrivo. Terzo classificato MANGIAFUOCO.

Bruno Delgado

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
logo Stephex Horsetrucks
logo veteaching
IMG 7016
IMG 7017
logo KEP
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo
powerline logo