Nutrizione equina: Cos’è la fibra e qual è la sua funzione?

Advertisement
39B0B8DD 1BE8 42B8 A2E2 A7D869ECE26C

La fibra è un insieme di sostanze eterogeneo, a degradabilità e digeribilità molto variabili che costituiscono le pareti vegetali e svolgono principalmente il compito di sostegno per le piante.Questo componente vegetale è formato chimicamente da un insieme di composti glucidici ingeribili per via enzimatica quali: emicellulosa, cellulosa, lignina, che compongono quella che viene definita NDF, ovvero la componente insolubile, e la pectina, che invece è la parte solubile in acqua e più facilmente degradabile e digeribile.Il cavallo è per sua natura un animale erbivoro monogastrico. Esso è in grado quindi di digerire la fibra all’interno del grosso intestino. Questi animali hanno una relazione simbiotica importante con i microbi del loro tratto gastrointestinale che aiutano la digestione dei vegetali. La popolazione microbica è importante e molto attiva poiché trasforma, nel corso di un processo di fermentazione, i costituenti degli alimenti non digeriti in elementi nutritivi. Senza questi batteri, protozoi e lieviti che distruggono le molecole di cellulosa, i cavalli non trarrebbero alcun beneficio dal mangiare fibra.Il tratto digestivo del cavallo è progettato per gestire ingenti quantità di fibra e la sua funzionalità è favorita se ne vengono ingeriti diversi tipi. La chiave per mantenere una popolazione microbica efficiente è il rifornimento costante di fibra fermentescibile.La digestione microbica produce, a partire dalla fibra vegetale e da una piccola frazione di glucidi di riserva, elementi nutritivi energetici (acidi grassi volatili), che possono fornire fino a 2/3 dell’energia totale assorbita nel tubo digerente. Questi acidi grassi a catena corta sono facilmente assorbiti nel flusso sanguigno e vengono utilizzati come energia prontamente disponibile per il mantenimento dei processi corporei. I VFA prodotti sono principalmente acetato, propionato e butirrato.Come con qualsiasi fonte di energia, se c’è un eccesso può essere immagazzinato come grasso ed utilizzato nel caso in cui l’offerta di energia non soddisfi la domanda. Questo è il motivo per cui un cavallo si può mantenere in una condizione di peso ottimale o addirittura diventare obeso alimentandosi anche solo con il foraggio.La carenza di fibra invece determina una stasi degli alimenti nell’intestino con un aumento eccessivo delle fermentazioni, dei gas e delle ammine tossiche, cosa che può portare a meteorismi e intossicazioni.Nell’alimentazione del cavallo la fibra può quindi derivare dai foraggi o dai mangimi. I foraggi, che devono essere la parte preponderante dell’alimentazione di un cavallo, sono ricchi di NDF.Il foraggio infatti è un’ovvia fonte di fibre, ma lo sono anche prodotti come crusca di fumento o di riso, polpe di barbabietola e buccette di soia. Questi prodotti sono chiamati “Super Fibre” perché ricchi di fibre altamente digeribili, che forniscono energia prontamente disponibile all’animale. Questi prodotti si possono trovare in Fiber screen, un mangime pensato per integrare la quota di fibra digeribile così da essere utile soprattutto in caso di foraggi di bassa qualità o eccessiva magrezza del cavallo. 
È consigliabile la sua integrazione nella dieta di tutti i cavalli poiché funge da prebiotico per il microbiota e aiuta la motilità intestinale. Per informazioni sulle modalità di utilizzo di Fiber Screen contatta l’assistenza tecnica https://www.cortalhorse.it/assistenza-nutrizionale-cavalli/. HSJ  Cortal Horse S.p.a. | Photo Cortal ©  

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo Acavallo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
logo KEP
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo