Oggetto: Montefalco, Italia al terzo posto con Filippo Lupis. Vince Karaevli per la Turchia

Advertisement
podio 1 1

Parla turco il Gran Premio GiZeta Infissi dell’internazionale di Montefalco targato “Le Lame International Sagrantino Tour”, giunto quest’anno alla 4° edizione.

E’ Omer Karaevli, in sella a Roso au Crosnier (0/0, 40”07), il migliore dei 56 partenti messi alla prova dallo chef de piste Elio Travagliati sulla categoria a due manche misurata su 1 metro e 50.
La seconda posizione è andata allo svizzero Olivier Bujard con Emeraude Du Ri D’Asse (0/0, 47”12).
L’Italia si aggiudica, però, la terza piazza con la firma di Filippo Lupis in sella a Breezer (1/0, 47”90).
Gli fa compagnia, al 4° posto, Michele Previtali su Cartaire Z (1/0, 48”75).
Seguono, il tedesco Marc Bettinger su Robinson (4/0, 39”51) e l’ex CT della nazionale seniores di salto ostacoli Roberto Arioldi con Dundee V/H Marienshof (0/4, 39”84).
Da CT a ex CT, Duccio Bartalucci, presente a bordo campo, ha così commentato la prestazione di Arioldi: “Alla grande. Sta già carburando in vista dello CSIO di Lisbona (31 maggio /3 giugno, ndr) per il quale l’ho convocato”.
Molto positive le parole di Bartalucci sul migliore degli azzurri, Filippo Lupis: “Ho cominciato a seguirlo dalla Fiera di Roma di febbraio e sono molto contento del progresso di questo binomio dal punto di vista tecnico, sotto il profilo della gestione del percorso”.
La prestazione di Michele Previtali, invece, “è il settore di Stefano Scaccabarozzi, selezionatore under 21, che sarà sicuramente soddisfatto”, ha dichiarato Bartalucci. “Quella di Previtali è stata una performance di livello”.
Tra gli azzurri, al di là della classifica, il CT cita Emanuele Camilli: “Un’incomprensione in seconda manche, peccato. Ma può capitare. Resta ottima, comunque, l’intesa tra Emanuele e Urban De Rohan, autori di un primo percorso senza sbavature”.
Sul concorso internazionale umbro, infine, commenta: “ottima collocazione in calendario, due settimane prima di Piazza di Siena. La risposta di 21 nazioni lo conferma. Deve diventare un appuntamento fisso”.

Grande la soddisfazione di Filippo Lupis, per questo terzo posto che sa di grandi prospettive: “Breezer è sotto la mia sella da appena due anni”, ha dichiarato il cavaliere romano. Prima di allora questo castrone dodicenne partecipava a categorie di 1 metro e 20. Questa è la sua 4° categoria 150.
“Ho lavorato, lavoro tuttora, per creare un affiatamento con questo cavallo caratteriale e di grande cuore. Posso solo ringraziare Gianluca Quondam (co-proprietario di Breezer, ndr) per avermelo segnalato e per aver deciso di condividere con me questa avventura in sella a Breezer”.

Istituzioni in prima linea, in questa edizione internazionale ospitata presso l’Horses Le Lame Sporting Club: prima fra tutte, Donatella Tesei, Sindaco di Montefalco, neo eletta Senatore della Repubblica (nella foto); con lei, Paola Marzioli, presidente del Consiglio Comunale di Montefalco; il Generale Leonardo Tricarico, Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare dal 5 agosto 2004 al 19 settembre 2006; e la FISE, rappresentata dal consigliere del comitato umbria Andrea Scianaro e, appunto, dall’attuale selezionatore seniores nazionale Duccio Bartalucci.

Daniela Cursi
(Ufficio Stampa Horses Le Lame)
PHOTO CREDIT MARCO PROLI
(caption: Nicola Zampolini (show director) premia insieme a Donatella Tesei (Sindaco di Montefalco)

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo Acavallo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo