Osteopatia equina – Trattamento GOT per il cavallo

Advertisement
FM Osteopatia Animale

Il Trattamento Generale Osteopatico, conosciuto con l’acronimo di GOT o TGO, è un approccio metodologico alle articolazioni del cavallo, che mira a liberare eventuali limitazioni di movimento.
È un trattamento corporeo completo, effettuato mobilizzando le articolazioni e i tessuti molli, uno per uno ed in serie, al fine di rimuovere le rigidità ed i blocchi articolari e stimolare l’ottimale circolazione dei fluidi e degli impulsi nervosi.
Esiste la regola delle 3 R, basilare per il GOT:
–    Routine: il terapeuta promuove un’attività passiva di ogni singola articolazione, seguendo una precisa routine, che parte dalla coda, arti, colonna e si conclude con il cranio.
–    Ritmo: bisogna adattarsi al ritmo del paziente e non imporne uno.
Ci sono cavalli che preferiscono delle mobilizzazioni più veloci e altri più lente. Un’alterazione del ritmo può dare tensione, rigidità, edema, accumulo di tossine.
–    Rotazione: tutto si muove attorno ad un asse.
La routine è rivolta allo scopo di non lasciar scappare niente sul piano della “diagnosi” e la rotazione, movimento principale del trattamento, permette di rilassare i muscoli e un fluidico passaggio di impulsi nervosi, sangue e linfa.
La rotazione che viene eseguita è una rotazione verso l’esterno che, a livello energetico, è sinonimo di apertura alla vita.
Il GOT si attua su tutti i tessuti del corpo, accentuando l’attenzione là dove è necessario: in genere quando il terapeuta si sofferma di più su una zona è perché ha trovato una restrizione di movimento e attraverso il trattamento la sta “sbloccando”.

È importante ribadire che l’osteopatia non fa magie, ma principalmente da un imput affinché il processo di autoregolazione, autodifesa e guarigione si attivino al meglio e risolvano il problema segnalato.  
Gli obiettivi principali del trattamento GOT sono: ripristinare e migliorare la mobilità articolare; ridurre la tensione dei tessuti adiacenti all’articolazione sottoposta alla mobilizzazione (quali muscoli, tendini, legamenti…); favorire il drenaggio sanguigno e linfatico, armonizzare la postura, migliorare la conduzione nervosa, effetti positivi sul sistema nervoso vegetativo e sulla propriocettività, stimolare i processi naturali di autoguarigione.
Questo trattamento viene applicato anche nell’osteopatia umana e la sensazione provata è di armonia e rilassamento.
Il vantaggio è che si adatta a diversi tipi di “situazioni cliniche”, a diverse età, a diversi scopi e non ci sono effetti collaterali post-trattamento.
Nell’ambito animale, e in particolare quello equino, questo tipo di trattamento è indicato soprattutto nei cavalli anziani, con ridotta mobilità articolare e con problemi di artrosi e artrite; nei cavalli sportivi, come trattamento pre-gara/post-gara; nei cavalli che presentano varie problematiche e che necessitano di un trattamento su più zone.

Il GOT può e deve essere visto anche come un altro modo per tenere in salute l’animale, infatti stimolando tutti i sistemi e le strutture del corpo, sentirà fin da subito uno stato di benessere psicofisico, che incentiva anche il potere di autoguarigione insito nel suo corpo.
Ogni cavallo dovrebbe essere sottoposto a questo tipo di trattamento al fine di migliorare la qualità della vita, con una cadenza regolare di seduta.
“Ogni quanto dovrei far trattare il cavallo?”
A questa domanda non c’è una vera risposta: tutto dipende da cosa emerge dalla valutazione iniziale del soggetto.
Ci sono cavalli che necessitano di trattamenti ravvicinati, ad esempio ogni mese, altri invece solo uno/due controlli annuali per verificare che tutto vada bene.
Francesca Motta, Esperta in Osteopatia animale
HSJ Seguici su Instagram: @horseshowjumping.tv
Seguici su Facebook: @horseshowjumpng.tv

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
Logo Acavallo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
logo KEP
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo
powerline logo