Roma Piazza di Siena 2018, grandi nomi per una grande edizione

Advertisement
unnamed 1 28

Altissimo livello tecnico e spettacolare quello assicurato durante lo CSIO di Roma Piazza di Siena (24-27 maggio). Che il campo dei partenti di quest’anno fosse top si è visto sin dall’arrivo delle prime iscrizioni (il primo è stato il britannico Scott Brash, unico cavaliere nella storia a vincere il Grand Slam Rolex), ma il panel dei binomi completato ieri, chiuso in particolare dalla definizione dei nomi di un team USA veramente stellare, ha appagato le migliori aspettative.
Tre campioni olimpici (Steve Guerdat, Jeroem Dubbeldam e Eric Lamaze), due componenti della squadra francese oro a Rio 2016 (Kevin Staut e Roger Yves Bost) e il vertice del Ranking FEI, che ha ambasciatori eccellenti nei sette cavalieri attualmente tra i primi dieci: Harrie Smolders 1° (Olanda), Kent Farrington (2° USA), Kevin Staut (4° Francia), Henrick Von Eckermann (5° Svezia), Mc Lain Ward (6°USA), Simon Delestre (7° Francia) e Steve Guerdat (9° Svizzera).Kent Farrington, che ha perso la sua lunga leadership nel ranking a causa un periodo di forzato stop (brutto incidente e oltre quaranta giorni di stampelle) guida la squadra USA, a Piazza di Siena da sempre grande protagonista. Con lui Laura Kraut, Lauren Hough,  Beezie Madden, vincitrice poche settimane orsono della sua seconda Coppa del Mondo e McLain Ward, garista d’eccezione e già vero e proprio asso pigliatutto Roma (vittoria di Gran Premio e Piccolo Gran Premio nel 2016 e nel 2010)…La Coppa delle Nazioni Intesa Sanpaolo si prospetta appassionante e aperta. Altra certezza, rispetto agli Stati Uniti che godono dei maggiori favori del pronostico, è quella rappresentata dalla squadra dell’Olanda. Harrie Smolders – fresco numero uno al mondo nel ranking FEI – è in buona compagnia in particolare grazie alla presenza di Jeroem Dubbeldam che al titolo a cinque cerchi di Sydney ha aggiunto il doppio oro dei WEG di Caen (2014) e la vittoria del successivo Campionato d’Europa, e di Leopold Van Asten.
Nove le squadre in campo a Piazza di Siena per l’edizione numero 86 dello CSIO – Canada, Francia, Germania, Italia, Nuova  Zelanda, Olanda, Stati Uniti, Svezia e Svizzera –  mentre rappresentate a titolo individuale saranno Australia, Belgio, Brasile, Gran Bretagna, Irlanda, Portogallo e Turchia per un totale, quindi di 16 bandiere, 73 tra amazzoni e cavalieri e 178 cavalli.
 LORO PIANA SIX BARS: ECCO GLI ALTRI OTTO AZZURRIIn aggiunta ai 18 cavalieri italiani già annunciati dalla FISE per gareggiare nello CSIO di Roma, altri otto azzurri scenderanno in campo Piazza di Siena per prendere parte alla spettacolare Loro Piana Six Bars, categoria delle Sei Barriere, in programma sabato pomeriggio 26 maggio.Tre di loro hanno guadagnato sul campo la presenza attraverso le prove di qualifica, mentre gli altri cinque sono stati individuati dal Selezionatore della nazionale Duccio Bartalucci.Questo i nomi: Paolo Adorno, Filippo Marco Bologni (vincitore della stessa prova nel 2017) Andrea Caprara, Federico Ciriesi, Edoardo Fochi, Eugenio Grimaldi, Elisa Ottobre ed Andrea Venturini. Press Release Equi Equipe Photo: McLain Ward USA foto CSIO Roma – Marco Proli

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo Acavallo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo