L’importanza della cura degli arti del cavallo

Advertisement
IMG 7334 1

Cenni di anatomia e utili consigli

Gli arti del cavallo rappresentano un parte del corpo dell’animale che risulta estremamente complessa e delicata.

Essi permettono a questi magnifici animali di compiere una vasta gamma di movimenti, dal galoppo al salto ostacoli, dalla passeggiata in campagna agli eleganti movimenti di dressage.

Tuttavia, questa complessità rende anche gli arti estremamente suscettibili a vari tipi di infortuni.

Anatomia degli arti del cavallo

Gli arti dei cavalli sono composti da una molteplicità di strutture anatomiche: ossa lunghe e corte, muscoli, tendini, legamenti, capsule articolari, liquido sinoviale, nervi, vene, arterie, vasi linfatici, cute e tessuto corneo che forma lo zoccolo. Per garantire un movimento corretto, tutte queste parti devono lavorare in perfetta sinergia.

La circolazione sanguigna negli arti del cavallo

Una caratteristica unica della circolazione sanguigna nel cavallo è il complesso sistema di vasi venosi presenti a livello degli arti. Questi vasi portano il sangue carico di anidride carbonica dalla periferia del corpo al cuore.

Nella terza falange, i vasi si organizzano in fitte reti di capillari, noti come plessi venosi distali.

Ogni piede del cavallo contiene quattro plessi venosi principali:

  1. Plesso Venoso Soleare: localizzato nella faccia soleare della terza falange.
  2. Plesso Venoso Parietale: posto nella regione parietale del cheratogeno.
  3. Plesso Venoso del Cercine Coronario: distribuito sul margine coronario e avvolge le cartilagini alari.
  4. Plesso dei Glomi: situato a livello dei glomi.

Questi plessi venosi confluiscono nelle vene digitali laterale e mediale. Il sistema vascolare del cavallo è capace di dilatarsi e contrarsi grazie al movimento e al peso dell’animale, generando un effetto pompa che facilita il ritorno del sangue venoso al cuore.

Quando il cavallo appoggia il piede, i talloni si allargano, favorendo la dilatazione dei plessi venosi. Al contrario, nella fase di levata dell’arto, le strutture vascolari si contraggono, pompando il sangue verso il cuore.

Questo meccanismo è essenziale per una corretta circolazione sanguigna e per l’eliminazione dell’anidride carbonica e dei rifiuti metabolici dal corpo.

Metodi per migliorare la circolazione dopo il lavoro

Dopo un’attività fisica intensa, è fondamentale prendersi cura degli arti del cavallo per prevenire gonfiori e infortuni.

Ecco alcune tecniche efficaci:

Docce di acqua fredda

Semplici ma efficaci, le docce di acqua fredda sugli arti favoriscono la vasocostrizione, limitando temporaneamente la permeabilità dei vasi sanguigni e prevenendo l’accumulo di liquido interstiziale, una causa comune di gonfiore. Inoltre, il freddo ha un effetto analgesico, utile per alleviare piccoli traumi.

Fasce refrigeranti

Le fasce refrigeranti, disponibili in vari tipi e materiali, offrono effetti simili alle docce fredde ma permettono un’applicazione più duratura e a temperatura costante, garantendo comfort al cavallo nel proprio box.

Bende e calze compressive

Particolarmente utili per cavalli anziani con problemi circolatori o cavalli convalescenti, le bende e calze compressive sono strutturate per essere più strette nella parte distale rispetto a quella prossimale. Questo favorisce il ritorno venoso, evita l’accumulo di liquidi e allevia problemi come tendinopatie e flemmoni cronici.

Crete, Up Tite e Ice Tite

Questi prodotti vengono solitamente applicati per circa 12 ore. Contengono diversi ingredienti naturali, i più importanti sono:

  • La bentonite composta da silice e alluminio che svolgono un’azione disinfettante sulle ferite
  • La calendula, dalle proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e immunostimolante
  • L’arnica, con azione antiflogistica, antiedematosa, antireumatiche e analgesiche
  • L’aloe, con proprietà anch’essa antinfiammatorie e cicatrizzanti.

In virtù di queste proprietà, queste applicazioni trovano ideale utilizzo dopo lunghe passeggiate in campagna, dopo prove di cross o un lavoro intenso (sul salto o in piano) e, grazie alle loro caratteristiche, possono essere applicate anche in caso di piccole escoriazioni cutanee, che ne trarranno sicuro beneficio

Pomata verde

Questa pomata topica ha un’azione analgesica e decongestionante, grazie alla canfora e al salicilato di metile. Tuttavia, deve essere evitata su ferite aperte a causa della potenziale sensazione di bruciore.

Sale di Epsom

I sali di Epsom sono utili per il drenaggio dei liquidi in eccesso e per alleviare punture di insetti e reazioni allergiche locali. Possono essere applicati tramite impacchi.

L’importanza dei consigli veterinari

È sempre importante seguire i consigli del proprio veterinario di fiducia, poiché ogni cavallo ha esigenze specifiche in base alla salute, età, disciplina e tipo di stabulazione.

Prendersi cura degli arti del cavallo richiede attenzione e conoscenza delle diverse tecniche disponibili per prevenire e trattare eventuali infortuni. Con la giusta cura, i cavalli possono continuare a mostrare la loro straordinaria eleganza ad ogni movimento.

In collaborazione con il medico veterinario Matteo Villa

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
avantea logo
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo