La latitudine del Cavallo. Perchè questo nome?

Advertisement
sailing ship 659758 640

Nel nostro emisfero, le masse d’aria si spostano dall’ equatore ai 30°Nord attraverso una mega cella convettiva chiamata cella di Hadley. Le masse d’ aria superficiali lungo l’ equatore, riscaldate dai raggi solari che arrivano perpendicolarmente su di esse, tendono a sollevarsi, a raffreddarsi, a condensarsi e a trasformarsi in pioggia; non a caso quasi tutte le foreste sono distribuite lungo le latitudini equatoriali. Le masse d’ aria equatoriali, raggiunta l’ altezza di circa 12 mila metri, si dirigono poi verso Nord e ridiscendono intorno al 30° parallelo determinando una fascia di alta pressione qualel’ anticiclone delle Azzorre; tale discesa determina un notevole riscaldamento per compressione dell’ aria per cui le zone intorno a 30°N sono caratterizzate da aree desertiche, quali quello del Sahara. La latitudine di 30°N (così come quella dei 30°S) viene chiamata anche latitudine dei cavalli.
Ma perché questa denominazione? Al tempo della navigazione a vela, il trasporto della merce da un continente all’ altro era effettuato dai velieri che sfruttavano i venti più favorevoli per la navigazione.
Quando però i velieri giungevano nella fascia di alta pressione dei 30° N, i marinai spesso venivano obbligati dal mare calmo e dal poco vento a fermarsi, a volte per settimane, per cui alla fine razionavano le loro provviste di acqua. Poiché i cavalli avevano bisogno di bere molto e, nonostante costituissero preziosa merce di scambio, dovevano essere sacrificati e gettati in mare.
Prof. Adriano MazzarellaFoto libera da copyright di ArtTower

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
avantea logo
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo