Allevamento: predire il colore del manto dei cavalli è possibile

Advertisement
IMG 9768

Le possibilità messe a disposizione dalla genetica applicata alla medicina veterinaria equina

Il colore del manto dei cavalli è un elemento importante per molte razze. Ma da dove proviene e, soprattutto, possiamo prevederlo? Sebbene molti tratti fisici negli animali siano causati spesso da un singolo gene, il colore del manto è più complicato.

Ricordiamo che i geni sono i mattoni che costituiscono il DNA di ciascun individuo e che portano “le istruzioni” per la formazione delle proteine, che svolgono ruoli cruciali nei processi biologici. Ogni gene è responsabile di specifiche caratteristiche ereditarie, influenzando aspetti come il colore degli occhi, la struttura del corpo e altre caratteristiche biologiche.

L’importanza del colore del manto dei cavalli per gli allevatori

Mentre alcuni allevatori potrebbero non considerare il colore del mantello come un fattore significativo quando pianificano gli accoppiamenti, per altri, il colore potenziale della prole può essere importante, sia per preferenze personali che per motivi commerciali. Per aiutare gli allevatori a prevedere il colore del mantello degli esemplari nati da specifici accoppiamenti, il Laboratorio di Genetica Veterinaria presso l’Università della California, Davis, offre diversi pannelli di test sulla colorazione del mantello, identificando la presenza di geni che potrebbero influenzare il colore della prole.

Un pannello genico è un insieme di test genetici mirati che analizzano specifici geni o regioni del DNA associati a caratteristiche particolari. Questi pannelli forniscono informazioni dettagliate sulle predisposizioni genetiche e le caratteristiche ereditarie di un individuo. Ad esempio, un pannello genico sulla colorazione del mantello nei cavalli può identificare i geni legati al colore del mantello.

Alcuni test sono appropriati solo per determinate razze o linee di sangue, mentre altri sono adatti a diverse razze. Il colore di base, la diluizione e le macchie bianche possono essere tutti valutati in base alle specifiche preferenze dell’allevatore.

“Alcuni allevatori non vogliono produrre cavalli sauri, quindi vogliono assicurarsi, se accoppiano due cavalli, che non portino l’allele castano, perché l’allele per il colore sauro è recessivo. Non puoi dirlo guardando un cavallo baio se ha o meno un allele castano”, spiega la Dott.ssa Rebecca Bellone, Professoressa alla Scuola di Medicina Veterinaria dell’UC Davis. “In questo caso, l’allevatore dovrebbe testare semplicemente il pannello multicolore e il pannello del manto rosso, perché è davvero la combinazione di questi due geni che dirà se un cavallo è nero, baio o sauro, e quale potrebbe essere la potenziale progenie.”

La Dott.ssa Bellone paragona il colore del mantello al caffè. Proprio come diverse tostature, creme e zuccheri influenzano la tonalità e il sapore del caffè, vari geni determinano il colore e le proprietà del mantello di un cavallo.

La scoperta dei geni che determinano il manto Appaloosa

Alcune delle sue ricerche iniziali hanno coinvolto l’analisi dei geni per determinare cosa provoca le macchie Appaloosa nei cavalli.

“Abbiamo utilizzato famiglie di Appaloosa in cui il maschio aveva prole con macchie Appaloosa, ma aveva anche prole senza macchie Appaloosa. Poi abbiamo esaminato quella prole per poter tracciare la genetica del passaggio (del gene) e confrontarla con la genetica del non passaggio”, spiega la Bellone. “Sebbene questo ci abbia aiutato a identificare il gene principale che determina la presenza delle macchie Appaloosa, il motivo per cui ad alcuni cavalli venivano e ad altri no, non era ancora chiaro. Nel corso degli anni, abbiamo anche appreso che c’è una seconda mutazione in un altro gene che determina l’estensione del mantello Appaloosa. Questo gene è definito modificatore proprio perché modifica l’espressione dei geni per le macchie dell’Appaloosa. Ci sono anche altri geni modificatori che stiamo cercando di capire.”

Una mappa genetica per determinare il potenziale colore dei puledri

Rick Meyer, membro della Paso Fino Horse Association, giudice senior internazionale e proprietario del Royal Oak Ranch a Troy, Illinois, conferma l’importanza di avere una mappa genetica per determinare il potenziale colore dei puledri.

“Credo che molti allevatori stiano cercando di ottenere un colore solido (cavallo di un singolo colore) probabilmente per il manto nero, baio e grigio”, afferma Meyer.

“Cavallo nero, grigio, sauro e nero sono i colori predominanti per i miei cavalli, tuttavia, ci sono anche il baio, palomino, roano, crema ed altri ancora”.

IMG 9616
Cavallo baio – Photo from Pixabay

Laney ha anche osservato variazioni regionali dei colori nella sua fattoria, Cedar Lane Stable a Enoree, Carolina del Sud, che ha due linee principali di sangue Paso Fino da Porto Rico e Colombia.

“Non ho mai visto né sentito parlare di un Paso Fino con linee di sangue colombiane che abbia il pattern colorato pinto. In genere, i Paso Fino pinto avranno linee di sangue completamente portoricane o una combinazione di linee di sangue portoricane e colombiane”, dice Laney.

Laney ipotizza che questa variazione sia dovuta alle diverse preferenze tra gli acquirenti americani e portoricani e i colombiani.

“Gli acquirenti americani sono generalmente più attratti dai colori appariscenti”, dice Laney. “Il focus principale nella razza Paso Fino, ovviamente, è il loro passo, ma ci sono persone che vogliono un cavallo vistoso con un colore attraente.”

La salute del cavallo è legata al colore del mantello?

L’estetica non è l’unico motivo per cui gli allevatori potrebbero testare i geni della colorazione dei loro cavalli. Ci sono anche componenti legate alla salute relative al colore del mantello che sono importanti. Ad esempio, la ricerca della Bellone ha scoperto che la mutazione del DNA che causa le macchie Appaloosa causa anche la cecità notturna e aumenta il rischio di uveite ricorrente equina nei cavalli.

“Una delle cose che raccomando sempre per i cavalli che hanno due copie della mutazione Appaloosa è che siano tenuti in un box di notte”, dice Bellone. “Un’altra cosa che raccomandiamo è che vengano esaminati almeno annualmente da un oftalmologo veterinario.”

Tuttavia, non è necessario avere una conoscenza approfondita della genetica o applicare test genetici per notare le tendenze di colorazione nelle generazioni di cavalli. Deanna Edgy, istruttrice di equitazione presso Scotland Saddlebreds a Laurel Hill, North Carolina, e ex responsabile della fattoria presso Dolorosa Arabians a Rocky Point, North Carolina, ha allevato molte generazioni di cavalli e ha visto come trasmettono i loro colori.

“Supponiamo che prendi una fattrice nera e la accoppi con un cremello; avrai una maggiore probabilità di ottenere un palomino o un baio”, dice Edgy.

Edgy afferma di aver osservato “tutte le diverse variazioni di colore” sia negli Saddlebred che negli Arabi. I suoi Saddlebred variano dal sauro bruciato ai baio fuliggine con sfumature d’argento e oro, mentre i suoi Arabi e gli Arabi incrociati mostrano una gamma simile grazie alla loro genealogia diversificata.

“Un purosangue Arabo che viene accoppiato con qualsiasi altro tipo di cavallo può essere considerato un mezzo Arabo, quindi si accoppiano tutti i tipi di colori, e possono ottenere tutti i tipi di colori”, dice Edgy. “C’è molta più variazione.”

I misteri dietro al colore del manto dei cavalli

Nonostante sia possibile provare delle mappe genetiche e fare delle previsioni sul colore, molte sfaccettature del manto dei cavalli, della genetica e dei potenziali effetti al rimangono misteriose.

Ad esempio, la Dott.ssa Bellone e il suo team hanno recentemente scoperto una mutazione de novo (una mutazione non ereditata dai genitori) in un purosangue con un modello unico di macchie bianche, portando a ulteriori domande e ipotesi.

“È rimasto uno stallone per alcuni anni, quindi abbiamo anche potuto testare alcuni dei suoi discendenti, ed è emerso che uno di questi fosse completamente bianco e anche sordo”, dice Bellone. “Quello che non sappiamo è se è quella mutazione stessa a causare la sordità. Quel cavallo aveva anche una mutazione dominante bianca. È ancora da capire se la combinazione di due mutazioni di modellamento bianco determini questi elementi”.

Chiaramente, c’è ancora molto da imparare sui geni equini e sul loro ruolo nelle caratteristiche di un cavallo. Fino ad allora, anche qualcosa apparentemente semplice come il colore di un cavallo ha la capacità di sorprendere gli allevatori di ogni parte del mondo.

Articoli correlati

Photo: Leslie Potter/US Equestrian – Appaloosa horses, such as EZ To Spot, have been the subject of multiple genetic studies to determine what causes their unique pattern | fonte comunicato stampa US Equestrian traduzione ad opera di AC

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
avantea logo
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo