“La Longines EEF Series è la cosa migliore che sia capitata al nostro sport negli ultimi anni”, ha dichiarato lo svizzero Edouardz Schmitz.

Advertisement
EEF Series Longines 2024

“La sede è della massima importanza per aiutare a fare i prossimi passi tra i percorsi più duri che abbiamo.

“La serie è della massima importanza per aiutare a fare i prossimi passi tra i percorsi da 1m45 e i percorsi più duri che abbiamo. È l’occasione perfetta per colmare il divario che esiste tra i giovani piloti e i senior”.

Edouard ha debuttato nella serie nell’anno inaugurale del 2021, saltando un doppio netto per aiutare la Svizzera a raggiungere il terzo posto nelle semifinali in sella a Balenciana K, una cavalla hannoveriana di 12 anni.

“La Longines EEF Series ha sempre avuto per me un’alta priorità dal punto di vista sportivo, per sviluppare lo spirito di squadra svizzero e costruire il futuro della nostra squadra. Edouard Schmitz è uno dei migliori esempi. Ha avuto successo con le squadre giovanili e gli ho dato la possibilità di integrarsi nella nostra squadra allo CSIO di Budapest nel 2021. Ricordo quanto fosse stressato, ma fece due giri favolosi”, ha dichiarato l’allora chef d’equipe e attuale CEO della Federazione equestre svizzera, Michel Sorg.

Nel 2022, Edouard è stato selezionato per partecipare nuovamente alla serie, questa volta in sella al castrone baio di dieci anni della SBS, Gamin Van’t Naastveldhof. Più tardi, nello stesso anno, il binomio vinse la sua prima gara a 5* al Grand Prix di Dublino.

“Lo sviluppo di Gamin non sarebbe stato così buono se non avesse partecipato a quella serie, ha potuto accumulare chilometri in quel formato – due gare in un giorno, salti in acqua ecc. Senza quella serie non sarebbe riuscito a passare così rapidamente al 5*”, ha dichiarato Edouard, che annovera tra i suoi punti di forza il carattere calmo e la forte competitività.

“Come cavaliere sei sotto pressione in questa competizione e anche il cavallo lo sente e si abitua a essere sotto pressione. È molto utile fare questi chilometri con il formato della Coppa delle Nazioni e sotto la pressione di essere in una squadra e rappresentare il proprio Paese. Acquisire questa esperienza è molto importante”.

Michel Sorg ha aggiunto: “Grazie a questa serie Edouard ha avuto la possibilità di crescere con i suoi cavalli, nella squadra, come cavaliere e cavaliere. Ha dovuto imparare a cavalcare in una competizione come questa, a gestire la pressione, ma anche a gestire la carriera e la pianificazione dei suoi cavalli. Passo dopo passo è diventato un cavaliere d’élite e in breve tempo ha ottenuto molti risultati con la nostra squadra, prima nello CSIO3, poi nella Longines EEF Final e infine nel 5”.

“Edouard è un gran lavoratore e un cavaliere molto talentuoso e intelligente, ma sono convinto che tutto sia andato così veloce anche grazie alla possibilità che gli è stata data di integrarsi nella squadra nella Serie EEF [Longines] e di imparare, passo dopo passo, grazie a questo concetto. Quando si è integrato nella squadra in 5* era già pronto”, ha concluso Michel.

Gamin Van’t Naastveldhof, ora dodicenne, è ancora a capo del gruppo di cavalli di Edouard insieme a Quno, un castrone Holsteiner di 14 anni con cui ha portato a termine la sua prima Coppa delle Nazioni 5* a Madrid. Ha poi una coppia di promettenti castroni grigi KWPN di nove anni, Karel Doorman e Top Lux, e lo stallone KWPN Maestro S di sette anni.

“Sono davvero entusiasta dei miei prossimi cavalli e spero che siano in grado di raccogliere il testimone da Gamin e Quno”, ha dichiarato Edouard, che non proviene da una famiglia di cavalli ma ha sempre avuto un’attrazione per gli animali. Da bambino ha pregato i genitori di lasciarlo cavalcare e ha preso la sua prima lezione di equitazione all’età di otto anni. Due anni dopo ha avuto il suo primo pony, Huckleberry.

“Mi sono dedicato seriamente all’equitazione fin dalla prima volta che mi sono seduto su un pony, mi è piaciuto molto. Ho fatto una gara di dressage, ma non l’ho trovata stimolante come il salto ad ostacoli”, ha spiegato il venticinquenne.

“Mi piace l’elemento della velocità nel salto a ostacoli che non c’è in altre discipline. Mi piace molto anche la tecnicità di questo sport e la necessità di avere un tale controllo del cavallo e una grande collaborazione. I cavalli devono essere così ben addestrati e avere una tale potenza”.

Edouard ha avuto successo fin da giovane, vincendo il Grand Prix under 25 a Chevenez a soli 16 anni, e ha rappresentato la Svizzera in tre Campionati Europei Junior in sella a Cortino 46. Alla fine del suo percorso nelle file degli juniores, sapeva di voler intraprendere la carriera di saltatore ad ostacoli e chiese a Thomas Fuchs, che allenava la squadra svizzera juniores, se conosceva qualche buona scuderia nella regione di Zurigo.

“La risposta è stata sì, perché Thomas mi ha detto che le sue scuderie si trovavano a 30 minuti da Zurigo. Mi sono trasferito a tenere i miei cavalli dai Fuchs nel 2017 e da allora sono sempre stato lì. All’inizio montavo anche alcuni dei loro cavalli, ma ora mi concentro solo sui miei”, racconta Edouard, che si destreggia tra equitazione e studio.

Immagine Longines

“Ho fatto un patto con i miei genitori per terminare gli studi, così sto frequentando una laurea online in scienze dei dati presso la London School of Economics and the University of London. Prima andavo a cavallo mentre studiavo, ma ora studio insieme ai cavalli”.

Negli ultimi anni la carriera di Edouard è andata avanti a gonfie vele. Con Quno ha fatto parte della vittoriosa squadra svizzera che ha trionfato in patria nella Longines FEI Jumping Nations Cup 2022 di San Gallo (ora nota come Longines League of Nations) e ha rappresentato il proprio Paese ai Campionati del Mondo dello stesso anno. Questo talento è stato riconosciuto anche da Longines, che ha inserito Edouard tra i suoi “Amici del marchio” nel 2022.

È un grande complimento avere un marchio iconico come Longines che mi sostiene. È incredibile quello che hanno fatto per il nostro sport. Rispettano la tradizione del nostro sport, ma apportano anche nuove innovazioni. Sono molto fortunato ad avere il loro sostegno e spero che la nostra collaborazione duri ancora molti anni”, ha dichiarato Edouard.

Dopo un inverno difficile, con alcuni dei suoi cavalli alle prese con infortuni, Edouard si sta preparando per un 2024 ricco di impegni, che comprenderà la partecipazione alle Longines EEF Series e, auspicabilmente, una partecipazione alle Olimpiadi.

“I cavalli sono tornati in forma e non vedo l’ora di affrontare la prossima stagione. Il tempo a disposizione per le Olimpiadi è poco, ma è sempre un obiettivo. Come atleta, se non stai lavorando per le Olimpiadi stai mentendo, è il Santo Graal dello sport e il mio obiettivo più grande. Se Parigi non dovesse funzionare, punterò alla prossima”, ha concluso Edouard.

La Longines EEF Series è una competizione di Coppa delle Nazioni concepita per sviluppare cavalli e cavalieri attraverso un’esposizione costante a eventi di qualità e a competizioni a squadre, in sostituzione della serie di Coppa delle Nazioni di Divisione 2 precedentemente conosciuta. Gli eventi, che si svolgono a 3* e 4*, si concentrano sulla crescita dell’ampiezza e della profondità dei talenti per portare più combinazioni ai massimi livelli, da tutte le nazioni d’Europa. La EEF è fermamente convinta che possiamo contribuire a salvaguardare il futuro di questo sport fornendo uno sviluppo continuo, che la Longines EEF Series si propone di fornire.

Le Series si svolgono in un formato di coppa delle nazioni in cui le squadre si sfidano in due turni, con percorsi identici. Entrambi i turni si svolgono secondo la Tabella A contro il tempo. Quattro cavalieri per squadra partecipano a ciascun round, e i migliori tre punteggi contano per il totale della squadra. In caso di parità dopo due prove, un solo cavaliere di ogni squadra parteciperà al jump off.

Longines; Con sede a Saint-Imier, in Svizzera, dal 1832, gli orologiai Longines vantano un’esperienza ricca di tradizione, eleganza e prestazioni. Con generazioni di esperienza come cronometrista ufficiale di campionati mondiali e come partner di federazioni sportive internazionali, Longines ha creato negli anni un rapporto forte e duraturo nel mondo dello sport. Conosciuta per l’eleganza dei suoi segnatempo, Longines fa parte di Swatch group Ltd., leader mondiale dell’orologeria. Il marchio Longines, con il suo emblema a clessidra alata, è presente in oltre 150 Paesi.

KEP Italia è un produttore di caschi da equitazione ed è stata fondata nel 2007, sulla base della passione delle sue fondatrici, Lelia Polini e Bianca Collet-Serret. Il loro obiettivo era quello di ricercare e produrre caschi più confortevoli, più sicuri e più innovativi di quelli attualmente disponibili sul mercato, un obiettivo che le ha portate a esplorare e combinare le migliori soluzioni in termini di design, tecnologia, materiali e sicurezza.

La Federazione Equestre Europea (EEF) è l’organo di rappresentanza delle Federazioni Equestri Nazionali con sede in Europa. Lavorando a stretto contatto con la Federation Internationale Equestre (FEI) e con le Federazioni nazionali, la EEF lavora per massimizzare il potenziale e lo sviluppo dell’equitazione in tutto il continente. L’EEF si impegna a promuovere lo sport equestre e le sue buone pratiche, a sviluppare lo sport in tutta Europa e a fornire una leadership per una voce collettiva europea in questo sport.

Image Yadel Möhler Photography

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo Acavallo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo