La Sindrome di Cushing nei cavalli: sintomi e cure

Advertisement
Ragazza mentre accarezza un cavallo

Un’analisi della patologia

La Sindrome di Cushing, conosciuto anche come Iperadrenocorticismo, può colpire diverse specie animali, tra cui cani, gatti e soprattutto cavalli. Questa patologia solitamente si manifesta negli equini anziani, di solito dopo il diciannovesimo anno di età, ed è causata da un’alterazione nel funzionamento dell’asse endocrino ipotalamo-ipofisi-ghiandola corticale del surrene.

L’Equilibrio degli Ormoni

Come abbiamo spiegato in precedenza nell’articolo “Cortisolo: l’ormone dello stress nel cavallo“, la regolazione degli ormoni coinvolge complessi “assi endocrini” costituiti da ipotalamo, ipofisi e ghiandola corticale del surrene. Situazioni stressanti stimolano l’ipotalamo a rilasciare l’ormone CRH (ormone di rilascio della corticotropina), che a sua volta induce l’ipofisi a rilasciare l’ormone ACTH (ormone Adrenocorticotropo). L’ACTH raggiunge la corticale del surrene, spingendola a produrre gli ormoni glucocorticoidi. Quando questo equilibrio viene alterato, si verifica un aumento cronico di questi ormoni, portando a una serie di sintomi nei cavalli colpiti.

La Causa Principale

La Sindrome di Cushing nei cavalli è principalmente causata da un’anomalia nella ghiandola ipofisaria, che provoca un aumento nella produzione dell’ormone ACTH. Questo aumento è spesso dovuto all’ipertrofia, all’iperplasia o alla presenza di adenomi nella parte intermedia dell’ipofisi, tutte queste modificazioni risultanti da una mancata attività inibitoria dell’ipotalamo.

Sintomi Comuni

I sintomi tipici della Sindrome di Cushing nei cavalli includono:

  • Perdita di peso e di massa muscolare, soprattutto nella zona del dorso e della groppa.
  • Aumento dell’escrezione urinaria (poliuria) e sete eccessiva (polidipsia).
  • Sudorazione eccessiva (Iperidrosi) e crescita anormale del pelo (Irsutismo).
  • Qualità del mantello ridotta, pelle disidratata (Xerosi cutanea).
  • Debolezza, addome pendulo e accumulo anomalo di tessuto adiposo (meno comune).

La gran parte dei cavalli affetta da questa Sindrome presenta infezioni  cutanee  e  sistemiche  recidivanti  oltre che  laminite  cronica  refrattaria.  
L’incapacità del controllo delle infezioni batteriche è dovuto allo  stato  immunodepressivo causato dall’eccessiva presenza di cortisolo nel sangue e, in  misura  minore,  ad un persistente livello di glicemia elevato. La  regolazione  della  glicemia  nei  soggetti  affetti  da  Cushing, infatti,  è  alterata  e  si  può  instaurare  un’iperglicemia  insulino-resistente: l’insulina è un ormone  prodotto dal pancreas che aumenta all’aumentare dei livelli di glucosio ematici andando ad attivare una serie di processi biochimici volti a diminuire la glicemia. Nel caso della Sindrome di Cushing, l’aumento costante di cortisolo, ormone iperglicemizzante, induce un graduale e continuo incremento degli zuccheri in circolo e questo fa sì che l’organismo sviluppi delle resistenze verso l’attività ipoglicemizzante dell’insulina.

Alterazioni dell’Attività Riproduttiva

In ultimo, l’aumento cronico del cortisolo nel sangue può anche influenzare negativamente l’attività riproduttiva degli animali.

Trattamenti Possibili

Tra i possibili trattamenti per la malattia di Cushing, troviami un farmaco noto come pergolide, una molecola che aiuta a ristabilire l’equilibrio ipotalamico di dopamina, riducendo la produzione eccessiva di ACTH da parte dell’ipofisi.. Il veterinario probabilmente raccomanderà di riesaminare i livelli di ACTH del cavallo, una volta somministrato il farmaco per via orale per qualche mese. Il monitoraggio di routine degli esami del sangue è importante per assicurarsi che la dose somministrata sia efficace e che la malattia clinica non stia peggiorando.

In uno studio condotto presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Pisa, a conferma di ciò, è stato evitato il deterioramento delle condizioni di salute di cavalle affette da questa patologia somministrando quotidianamente il Pergolide, dimostrando possa essere una soluzione al problema della Sindrome di Cushing.

Alessandra Ceserani

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
Tenuta Monticelli logo
Logo Acavallo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
logo KEP
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo
powerline logo