La dieta del cavaliere: l’importanza di una corretta alimentazione

Advertisement
IMG 1046

Ricercare l’equilibrio nutrizionale per garantire prestazioni sportive ottimali

L’equilibrio nutrizionale gioca un ruolo cruciale nella vita di un atleta, fornendo al corpo l’energia necessaria durante le intense sessioni di allenamento e le competizioni. Dalla selezione accurata dei carboidrati al mantenimento del peso corporeo ideale, la dieta del cavaliere è una vera scienza che richiede particolare attenzione e cura.

Nell’equitazione, il cavallo è indiscutibilmente il vero atleta, il protagonista principale che porta a termine l’attività fisica. La forza, l’agilità, e la sua capacità di comprendere e rispondere ai comandi del cavaliere sono fondamentali per il successo del binomio: senza di lui, non esisterebbe questo sport, che forse è l’unico in grado di creare un legame profondo tra uomo e animale, fondendo due menti e due volontà differenti per raggiungere uno scopo comune.

Tuttavia, non si può ignorare il ruolo fondamentale dell’uomo in questa particolare unione, per questo la sua preparazione atletica, la sua agilità e la sua forma fisica sono determinanti per eccellere. 

Ma cosa mangiare se fai equitazione?

Carboidrati: alleati e non nemici

I carboidrati complessi sono parte essenziale della dieta del cavaliere. Alimenti come cereali, sia raffinati che integrali quali pasta, riso, grano, orzo, avena, segale e altri cereali minori, assicurano un rilascio graduale di energia durante lo sforzo fisico prolungato nel tempo, ad esempio durante gli allenamenti o i concorsi ippici. Evitare quantità eccessive di zuccheri è essenziale per mantenere un equilibrio digestivo ed evitare picchi e cali glicemici durante l’attività fisica.

Proteine per un più rapido recupero muscolare 

Le proteine sono fondamentali per il recupero muscolare e per migliorare la resistenza. È importante includere nella dieta fonti proteiche magre di origine vegetale, ad esempio legumi e frutta secca, e/o animale, come carne bianca, pesce, uova e latticini, per garantire una corretta riparazione dei tessuti muscolari sollecitati durante l’attività sportiva. 

Assumere proteine di alta qualità è fondamentale per sviluppare muscoli magri e ben allenati, migliorando la forza e le prestazioni durante le competizioni. Questo risultato non è limitato solo alle proteine di origine animale, è possibile ottenere gli stessi benefici seguendo una dieta vegetariana equilibrata e ben pianificata.

Controllo dell’assunzione dei grassi

Il controllo dell’assunzione di grassi è altrettanto importante. Scegliere grassi sani come frutta secca e oli vegetali come l’olio extravergine di oliva può fornire una fonte aggiuntiva di energia e contribuire alla salute cardiovascolare, ormonale, cerebrale e articolare.

Attenzione all’idratazione

Mantenere un’adeguata idratazione è fondamentale per il benessere fisico e per garantire prestazioni ottimali. L’assunzione regolare di liquidi è essenziale poiché la disidratazione può compromettere la salute generale dello sportivo. 

Durante l’attività fisica intensa, il corpo perde fluidi e sali minerali con il sudore, reintegrarli per mantenere l’equilibrio fisiologico risulta quindi una pratica utile. 

L’assunzione di bevande elettrolitiche fornisce liquidi e sali minerali essenziali per il bilancio dei fluidi corporei. In condizioni critiche, come caldo e umidità elevate, il rischio di disidratazione aumenta, quindi è importante bere di più e monitorare attentamente la quantità di liquidi assunti durante l’esercizio. 

Ma qual è il peso corporeo ideale per un cavaliere?

Mantenere un peso ottimale garantisce agilità al cavaliere senza compromettere forza e resistenza. 

La percentuale di massa grassa è altrettanto importante, con valori ideali che oscillano tra il 12% e il 18% per i maschi e tra il 18% e il 24% per le femmine. Un’eccessiva massa grassa può influire sulla velocità e sulla resistenza, mentre una carenza può portare a problemi di salute.

Considerando l’indice di massa corporea (BMI) come il rapporto tra il peso in Kg e l’altezza in cm dell’atleta elevata al quadrato, un valore di BMI compreso fra 19 e 21 risulta essere adeguato. Ad esempio, per un cavaliere alto 170 cm, il peso ideale potrebbe variare tra i 55 e i 60 Kg. 

Non dimentichiamo, inoltre, che anche la distribuzione della massa corporea è altrettanto importante.

Consultare un nutrizionista consente un’analisi accurata delle percentuali e degli indici menzionati in precedenza. Successivamente, il professionista può creare un piano alimentare personalizzato, adattato alle esigenze specifiche dell’atleta, considerando l’intensità, la frequenza e il tipo di attività fisica praticata.

L’alimentazione riveste un ruolo essenziale nel garantire il benessere del cavaliere e per mantenere prestazioni sportive di alto livello. Dalla selezione accurata dei nutrienti al mantenimento del peso corporeo ottimale, ogni aspetto deve essere attentamente valutato e definito.

La consulenza di esperti, sia in campo nutrizionale sia in ambito sportivo, è un investimento per raggiungere i propri obiettivi agonistici, seguendo una dieta corretta e bilanciata.

Per maggiori informazioni: www.nutrizionistacamillafolzi.it

In collaborazione con la Dott.ssa Camilla Folzi, Biologa Nutrizionista

Articoli correlati

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
logo Stephex Horsetrucks
logo veteaching
IMG 7016
IMG 7017
logo KEP
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo
powerline logo