Richard Greer: una vita dedicata al benessere del cavallo e alla terapia equina

Advertisement
Richard Greer From Horseman to Therapist _

Dall’importanza della salute dentale per il migliorare il benessere del cavallo e le sue performance, alle idee sulla ferratura

Richard Greer ha recentemente concesso un’intervista esclusiva a horseshowjumping.tv, svelando i segreti di una carriera lunga decenni all’insegna del benessere del cavallo e della passione per questo animale meraviglioso.

Con un percorso che spazia dai lussureggianti paesaggi della costa occidentale americana alle terre esotiche della Sri Lanka in Asia e oltre, Greer ha accumulato un’inestimabile esperienza: dal suo inizio nel mondo degli attacchi, dove ha affinato le sue abilità nell’arte della guida, fino alla sua dedizione alla terapia equina, ogni passo del suo percorso ha contribuito a plasmare la sua visione e la sua mission nel mondo del cavallo.

Richard Greer From Horseman to Therapist 2

“Mi chiamo Richard Greer e ho trascorso gli ultimi 30 anni a dedicarmi al mondo equestre, attraversando praticamente tutti i continenti, dalla costa occidentale dell’America alle terre esotiche della Sri Lanka in Asia e molti altri luoghi. Nel corso del mio viaggio, mi sono dedicato a diverse discipline, affinando le mie conoscenze prima di concentrarmi definitivamente sulla terapia equina.

Il mio viaggio è iniziato nel mondo degli attacchi, dove ho dedicato anni a imparare l’arte della guida. […] In quel periodo mi sono avventurata anche nel mondo del cinema, ampliando i miei orizzonti. Man mano che il mio percorso si sviluppava, mi sono imbarcata in avventure internazionali, dal Portogallo alla Sri Lanka, ricercando opportunità che ampliassero le mie conoscenze. In questo periodo ho incrociato Ian Silitch, uno straordinario cavaliere della costa orientale americana, le cui intuizioni riguardo il movimento delle gambe e del movimento della schiena sono state per me davvero preziose.

Per arricchire ulteriormente il mio percorso, ho avuto il privilegio di allenarmi con Ken Sudsbury, un illustre cavaliere professionista di dressage con un impegno profondamente radicato nei confronti dei principi del metodo classico. La sua influenza ha lasciato un’impronta indelebile sul mio approccio alle tecniche ti eqquiterapia e credo fermamente che la sua recente scomparsa sia una perdita molto importante per la nostra comunità.

Tuttavia, il mio capitolo più rivoluzionario è iniziato diciassette anni fa, quando mi sono trovata alle prese con un dolore fisico durante le mie attività equestri in Florida. In cerca di sollievo, mi recai in California e incontrai Geary Whiting , un luminare della massoterapia equina. Sotto la sua guida, mi sono addentrato nel regno dell’equiterapia, scoprendo il suo profondo potenziale per migliorare il benessere del cavallo e del cavaliere.

Sono entrata nella sua clinica con molta fatica e dopo un trattamento mi sentivo come se volessi correre intorno all’isolato. Mi ha colpito molto il fatto che il trattamento fosse così efficace; è stato un punto di svolta per me. In passato ho avuto a che fare con molti terapeuti, ma ti viene sempre dato un biglietto, “torna la prossima settimana”, e ti senti come se fossi stato tritato. Già. Il trattamento di Gary è stato straordinario e in quel momento sapevo che doveva insegnarmi a fare quello che faceva lui. E quello fu l’inizio della mia carriera di terapeuta.”

Dopo aver sperimentato personalmente i benefici della terapia con il trattamento di Geary Whiting, Richard Greer ha fatto una scoperta epocale: il potenziale trasformativo di quella terapia poteva portare benefici non solo agli esseri umani, ma anche ai cavalli.

Greer ha riconosciuto che i cavalli, come gli esseri umani, possono soffrire di una serie di problemi fisici e emotivi che possono influenzare il loro benessere e le loro prestazioni. Con la sua profonda comprensione dell’anatomia equina e la sua esperienza nel mondo del cavallo, ha intravisto un’opportunità unica per combinare le competenze acquisite relativamente alla terapia umana con le esigenze e le peculiarità del mondo equestre.

Quando Geary Whiting gli ha mostrato il modo in cui stava già utilizzando la massoterapia per i cavalli attraverso la sua scuola di massaggio equino, Greer ha riconosciuto che questa era la strada nche avrebbe voluto seguire. Ha visto la possibilità di portare il benessere e il sollievo, che aveva sperimentato personalmente, nei cavalli, animali che amava e con cui lavorava quotidianamente.

“Quando sono tornato dall’America nel Regno Unito, tutti i cavalli su cui sono salito trovavo non si muovessero nel migliore dei modi, ma soprattutto secondo la propria natura.”

Così, con la guida e l’ispirazione di Geary Whiting, Richard Greer ha deciso di portare avanti la sua carriera nella terapia equina, mettendo in pratica le conoscenze e le competenze acquisite per migliorare il benessere e le prestazioni dei cavalli con cui lavorava.

L’importanza della salute dentale nel cavallo

Dentatura equina, il mistero dei denti del cavallo 2023

“La mia formazione come terapista è davvero stata un insieme di tanti aspetti diversi fra loro. Ho avuto la fortuna di essere istruito da un buon cavaliere e poi da un buon terapeuta. Un altro pezzo del puzzle è stata la comprensione di quanto le selle contribuissero per l’equilibrio del cavallo e della sua dentatura”.

Spiegandosi, Greer ha raccontato che durante la sua formazione come dentista ha avuto l’opportunità di lavorare con Steve Sampson, uno dei dentisti equini più rinomati dell’epoca, e di trattare molti dei migliori cavalli da competizione negli Stati Uniti. Questa esperienza gli ha permesso di comprendere appieno l’importanza della salute dentale nei cavalli e di osservare direttamente come problemi dentali apparentemente minori potessero avere un impatto significativo sulla loro salute e sul loro rendimento.

“La salute dentale è parte integrante della cura generale del cavallo. Investire nella salute dei denti del tuo cavallo può aiutare a mantenere un animale felice, sano e in forma per molte stagioni di attività equestre.”

Quando Greer è entrato nel mondo della terapia equina, ha portato con sé questa consapevolezza della salute dentale e la sua abilità nel riconoscere e trattare problemi dentali nei cavalli. Ha notato che molte delle problematiche fisiche e comportamentali riscontrate nei cavalli potevano essere correlate a problemi dentali trascurati o non riconosciuti. Ad esempio, tensioni nella mascella possono trasferirsi in tutto il corpo del cavallo, causando disagio e limitando la sua capacità di muoversi correttamente.

A tal proposito ha dichiarato: “Una corretta manutenzione dei denti del cavallo è essenziale per la sua salute. I proprietari dovrebbero programmare regolarmente esami e trattamenti con un dentista equino qualificato per garantire il benessere a lungo termine dei loro animali.”

Pertanto, Greer ha integrato la sua conoscenza dell’odontoiatria nella sua pratica di terapia equina, eseguendo esami approfonditi della bocca e dei denti dei cavalli con cui lavorava. Questo gli ha permesso di individuare e trattare tempestivamente problemi dentali come denti sporgenti, wolf teeth, o altri problemi ortodontici che potevano andare ad influenzare negativamente il comfort e le prestazioni dell’animale.

“I problemi dentali nei cavalli non dovrebbero essere trascurati. Un’attenta osservazione dei segni di disagio o difficoltà alimentari, insieme a esami dentali regolari, può aiutare a prevenire problemi più gravi e migliorare la qualità della vita del cavallo.” ci ha detto Richard.

Poi ha continuato “Ricordo vividamente un caso particolare di un giovane puledro di tre anni, che era stato mandato in una scuderia di corse per essere domato. Ora, descrivere il processo di doma può essere complicato, ma in alcuni casi può essere abbastanza stressante per il cavallo. Questo soggetto in particolare arrivò da me visibilmente agitato, e durante l’esame della bocca ho notato la presenza di due lupini superiori.  – questi sono piccoli denti che corrispondono al residuo vestigiale del primo premolare e sono localizzati soprattutto a livello della mascella, mentre sono molto rari a livello della mandibola. Richard ci ha detto: “È stato molto semplice individuarli, e ritengo che ogni persona che lavora con i cavalli dovrebbe imparare a esaminare correttamente la bocca del cavallo.

Per risolvere il problema, li semplicemente estratti, un intervento che può essere eseguito rapidamente e senza particolare difficoltà. Successivamente, ho lavorato per ripristinare la fiducia del cavallo, utilizzando il metodo adeguato e introducendo gradualmente il filetto solo quando il cavallo si è sentito a suo agio.”

Altro aspetto molto importante secondo Richard è assicurarsi che non ci siano tensioni muscolari o blocchi nel collo e nelle spalle del cavallo, che potrebbero derivare da problemi nella bocca.

“In generale, ho sempre tenuto presente che i problemi di movimento nei cavalli spesso hanno origine direttamente da “sotto il cavaliere”, nella regione del dorso. L’equilibrio e l’allineamento del piede del cavallo giocano un ruolo fondamentale nel garantire un movimento armonioso e privo di tensioni. Se osserviamo un’angolazione negativa nel piede posteriore del cavallo, possiamo aspettarci che ciò influenzi negativamente il suo modo di camminare, portando a problemi come la malattia sacroiliaca e la schiena cava, che possono infine evolvere in baci spinali.

La cura del piede del cavallo è quindi di vitale importanza, e personalmente ho sempre sostenuto un approccio mirato focalizzato a migliorare il movimento e l’allineamento del piede nel tempo, attraverso un adeguato bilanciamento e trattamenti regolari.”

Richard Greer e l’idea sulla ferratura del cavallo

Richard Greer offre un’interessante prospettiva sulle pratiche riguardanti la ferratura dei cavalli da competizione. In un dialogo che riflette la sua vasta esperienza nel mondo equestre, Greer ha condiviso con noi la sua convinzione riguardo alla possibilità di migliorare le prestazioni dei cavalli attraverso l’adozione della pratica del piede scalzo, pur ammettendo anche le sfide e le variabili da considerare in questa decisione, offrendo una visione equilibrata sull’argomento.

Piedi di due cavalli durante il lavoro
Richard Greer: una vita dedicata al benessere del cavallo e alla terapia equina 5

“Negli ultimi tredici anni, ho fortemente promosso l’idea di migliorare il movimento nei cavalli. Personalmente, ho partecipato a gare di caccia a ostacoli con cavalli ferrati, affrontando percorsi di cross country e ad ostacoli anche di altezze importanti. Questa esperienza mi ha permesso di provare io stesso i benefici della rimozione dei ferri ai cavalli, quando possibile.

Tuttavia, comprendo che non tutti i cavalli siano adatti a questa pratica, poiché vi sono molte variabili da considerare. Sul campo di gara, osservo che alcuni cavalieri utilizzano con i loro cavalli i ferri quando devono competere sull’erba, e comprendo appieno le loro ragioni.

Se da un momento all’altro le condizioni del terreno passano da perfette a scivolose a causa di un temporale, è comprensibile che i cavalli si sentano più sicuri con i ferri e i ramponi. Personalmente, preferisco lasciare i cavalli scalzi durante il periodo della doma.

Anche se non sto competendo a livelli alti come in passato, continuo ad essere entusiasta di questa pratica, ed è incoraggiante vedere sempre più cavalieri da Gran Premio esplorare questa possibilità. Tuttavia, è importante sottolineare che non si tratta solo di togliere i ferri, ma anche della cura e dell’attenzione necessarie dietro questa decisione. È un processo più complesso di quanto possa sembrare, che richiede una valutazione attenta delle esigenze del singolo cavallo e delle condizioni del terreno.”

Come è emerso chiaramente nel corso dell’intervista, Richard Greer ha dimostrato un impegno costante per il benessere e la salute dei cavalli, integrando le sue conoscenze e le sue competenze in diverse discipline per fornire loro il miglior trattamento possibile.

La sua esperienza e la sua dedizione, infatti, continuano a essere una fonte di ispirazione per tutti coloro che lavorano nel campo equestre e della terapia equina.

Articoli correlati

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
avantea logo
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo