Salvaguardia dei cavalli in via di estinzione

Advertisement
Cavalli allo stato brado liberi

Programmi di conservazione e pratiche di allevamento per preservare le razze equine

Nel mondo dell’ippica, dove la bellezza e la potenza dei cavalli hanno affascinato le persone per secoli, sorge una preoccupante minaccia: alcune razze di cavalli in via di estinzione stanno lentamente scomparendo, mettendo in pericolo la diversità genetica che caratterizza questi straordinari animali.

La necessità di conservazione

La conservazione della diversità genetica equina è diventata una priorità per gli amanti dei cavalli e gli esperti del settore. La perdita di una razza non rappresenta solo la scomparsa di un patrimonio genetico, ma anche di un pezzo importante della cultura equestre.

Per affrontare questa sfida, sono stati sviluppati programmi di conservazione mirati a preservare le razze minacciate. Questi programmi coinvolgono una varietà di attività, tra cui l’allevamento selettivo, la promozione dell’adozione responsabile e la sensibilizzazione pubblica sulla situazione critica di queste razze.

Razze di cavalli in via di estinzione in prima linea

Il patrimonio equestre italiano, ricco di razze uniche e antiche, sta affrontando una sfida davvero impegnativa visto che molte di queste sono minacciate di estinzione, come affermato anche dall’Associazione RARE.

Fra le razze più critiche ricordiamo il Pony di Esperia, il Cavallo Salernitano, il Cavallo Napoletano, il Cavallo del Ventasso, il Cavallo Sanfratellano, il Cavallo Bardigiano, il Cavallo Maremmano, il Cavallo Murgese e il Cavallo del Catria.

Pony di Esperia: un tesoro del Sud del Lazio

Il Pony di Esperia, un gioiello di piccole dimensioni e temperamento vivace, ha le sue radici nel sud del Lazio. Con un’altezza che oscilla tra i 500 cm e il 1.5 m, questo pony è oggi utilizzato prevalentemente per il lavoro da sella. La sua presenza è sempre più limitata, rendendolo uno oggetto di diversi programmi di conservazione.

Cavallo Salernitano: memorie di competizioni e corse al galoppo

Lo scenario delle province di Caserta, Napoli e Salerno era una volta animato dal Cavallo Salernitano. Una razza che ha calcato le piste nelle corse al galoppo, nei concorsi ippici e nel salto ostacoli. Oggi, purtroppo, la sua presenza è scemata, e i programmi di conservazione sono essenziali per preservare la sua eredità.

Cavallo Napoletano: una razza antica in declino

Il Cavallo Napoletano, con le sue antiche origini, è oggi allevato solo in pochi esemplari nelle province di Caserta e Napoli. Benché predisposto al tiro medio-leggero e alla sella, la sua ridotta popolazione richiede un’attenzione urgente per garantirne la sopravvivenza.

Cavallo del Ventasso: vigilanza sulle montagne di Reggio Emilia

Il Cavallo del Ventasso, distribuito in una cinquantina di allevamenti tra le montagne di Reggio Emilia e province limitrofe, è noto per la sua adattabilità. Utilizzato nell’equiturismo, è essenziale proteggere questo cavallo che incarna il connubio tra storia e natura.

Cavallo Sanfratellano: tra Monti Nebrodi e necessità di conservazione

Il Sanfratellano, un cavallo siciliano che vive in condizioni quasi selvatiche sulle pendici dei Monti Nebrodi, richiede interventi mirati per preservare la sua unicità. La sua esistenza, senza rifugi o regolari forniture di cibo, è emblematica della necessità di proteggere le razze in condizioni più critiche.

Cavallo Bardigiano: un compagno affidabile per l’equitazione di campagna

Il Cavallo Bardigiano, noto per la sua docilità e affidabilità, trova la sua dimora nei pascoli montani. La sua vita semi-brada per otto mesi all’anno testimonia la necessità di proteggere questa razza apprezzata per l’equitazione di campagna.

Cavallo Maremmano: rusticità e adattabilità

Il Cavallo Maremmano, con la sua rusticità, si adatta bene alla vita allo stato brado. La sua presenza predominante nei pascoli richiede un’attenzione costante per garantirne la sopravvivenza.

Cavallo Murgese: docilità ed equilibrio

Il Murgese, noto per la sua docilità e l’equilibrio, è diventato un compagno apprezzato nel turismo equestre. La sua indole selvaggia richiede un approccio tradizionale all’allevamento, allo stato brado o semibrado, sistemi ancora ampiamente adottati.

Cavallo del Catria: una razza rustica nelle Marche

Il Cavallo del Catria, una razza rustica, trova il suo habitat principalmente allo stato brado nelle Marche. La sua capacità di sfruttare anche le risorse più modeste del pascolo rende questa razza un elemento cruciale del patrimonio equestre locale.

Programmi di conservazione

In diverse parti del mondo, appassionati di cavalli, allevatori e istituzioni stanno collaborando per implementare programmi di conservazione. Questi sforzi includono la creazione di riserve equestri, la promozione di competizioni specifiche per razze minacciate e la ricerca genetica per garantire una gestione responsabile delle popolazioni rimanenti.

Ruolo fondamentale degli allevatori

Gli allevatori giocano un ruolo cruciale nel garantire la diversità genetica delle razze equine. Il loro impegno nel mantenere linee di sangue pure e nel partecipare attivamente ai programmi di conservazione è essenziale per il successo di questi sforzi.

Gli allevatori che comprendono l’importanza della conservazione partecipano attivamente ai programmi dedicati a razze minacciate di estinzione. Collaborano con istituzioni e associazioni equestri, contribuendo con la loro esperienza e conoscenza. Questa partecipazione attiva può includere la gestione di programmi di allevamento controllato ed il supporto finanziario e la promozione di iniziative di sensibilizzazione presso la comunità locale.

Gli allevatori svolgono anche un ruolo chiave nell’educare il pubblico sulla situazione critica delle razze minacciate e sull’importanza di pratiche di allevamento responsabili; in questo senso, la sensibilizzazione della comunità attraverso eventi, conferenze o tour, può innescare un interesse e un sostegno fondamentali per la conservazione di queste razze.

In molti casi, la conoscenza delle pratiche di allevamento tradizionali è tramandata di generazione in generazione all’interno di famiglie che svolgono questo lavoro da decenni. Questo legame tra passato e presente consente di preservare non solo la diversità genetica, ma anche le antiche tradizioni culturali legate alle razze equine.

Preservare la diversità genetica dei cavalli, dunque, non è solo una questione di conservazione biologica, ma anche di preservazione di tradizioni secolari e di un patrimonio culturale prezioso. È necessario un impegno generale di tutti per garantire che queste magnifiche razze non vadano perse, ma continuino ad arricchire il mondo per le generazioni a venire.

La loro bellezza, forza e storia meritano di essere celebrate e protette, affinché possano continuare a ispirare e incantare le persone di tutto il mondo.

A. Ceserani

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
logo KEP
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo
powerline logo