L’agopuntura veterinaria: un’approccio olistico per il benessere equino

Advertisement
Seduta di agopuntura veterinaria su un cavallo grigio

Nell’ambito della medicina veterinaria equina, l’uso di terapie alternative sta guadagnando sempre più popolarità come complemento alla medicina tradizionale. Un approccio olistico nel trattamento dei cavalli considera tutte le possibili opzioni per migliorare la salute e le performance dei propri pazienti.

L’agopuntura veterinaria, tra le varie e possibili terapie, occupa un posto di rilievo, affiancata da altre pratiche come la manipolazione veterinaria, la terapia laser, i trattamenti con onde d’urto e la medicina erboristica cinese.

Agopuntura Equina

L’agopuntura è una pratica antica che si basa sui principi di percorsi energetici che attraversano il corpo, influenzando le strutture interne ad essi associati. L’energia di questi percorsi emerge in punti specifici del tessuto, noti come punti di agopuntura, che possono essere stimolati attraverso l’uso di aghi molto sottili.

Il trattamento di agopuntura veterinaria nei cavalli è in grado di attivare le capacità naturali di guarigione del corpo e può affrontare una vasta gamma di problemi. La ricerca ha indicato che l’agopuntura può essere una terapia complementare efficace per condizioni muscoloscheletriche, neurologiche, gastrointestinali, respiratorie ed endocrine.

Gli effetti fisiologici indotti dall’agopuntura includono la gestione del dolore, la regolazione gastrointestinale, la riduzione dell’infiammazione e l’aumento della circolazione. Anche condizioni croniche come l’anidrosi, l’asma e i problemi comportamentali possono essere trattati con l’agopuntura.

Personalizzazione del trattamento

Ogni cavallo riceve un piano di trattamento unico, con sessioni di agopuntura che generalmente durano dai 45 minuti a un’ora. Questo approccio personalizzato garantisce che le specifiche esigenze di ogni cavallo siano attentamente considerate e affrontate.

Un praticante esperto di agopuntura equina sottolinea l’importanza di una diagnosi precisa e di un piano di trattamento su misura; non è una soluzione adatta a ogni soggetto e a ogni situazione: ogni cavallo ha la propria storia clinica e le proprie necessità.

Benefici delle terapie alternative

Le terapie alternative come l’agopuntura non sono destinate a sostituire la medicina tradizionale, ma piuttosto a completarla, offrendo ulteriori strumenti per migliorare il benessere e la performance dei cavalli. L’uso combinato di trattamenti tradizionali e alternativi permette una cura integrata, che può portare a risultati migliori e a una maggiore soddisfazione sia per i cavalli che per i loro proprietari.

L’obiettivo di un approccio integrato è di fornire il massimo livello di cura e attenzione, utilizzando tutte le risorse disponibili per promuovere la salute e il benessere dei cavalli. Grazie alla competenza del team di praticanti di medicina alternativa, i cavalli possono beneficiare di trattamenti innovativi e personalizzati che mirano a migliorare la loro qualità di vita.

Cenni di storia dell’agopuntura

Durante gli ultimi 40 anni, l’agopuntura, una tecnica terapeutica della medicina orientale, è diventata sempre più popolare, evolvendosi in una delle forme di medicina complementare più utilizzate negli Stati Uniti. Questo aumento di popolarità, particolarmente in Occidente, può essere attribuito in parte alla sua efficacia nel sollievo dal dolore e in parte al fatto che gli studi scientifici hanno iniziato a dimostrarne l’efficacia.

L’agopuntura ha origini antichissime, risalenti a circa 3000 anni fa in Cina. La prima documentazione di agopuntura come sistema organizzato di diagnosi e trattamento si trova nel “Classico di Medicina Interna dell’Imperatore Giallo“, risalente al 100 a.C. Entro questo periodo, i canali del flusso di Qi (energia vitale o forza vitale) erano ben stabiliti, e le informazioni probabilmente derivavano da una compilazione di tradizioni tramandate nel corso dei secoli. Gradualmente, la pratica dell’agopuntura fu perfezionata e i punti di inserzione degli aghi divennero più specificati, fino a diventare una pratica standard in Cina accanto a massaggi, dieta e erbe.

La prima descrizione medica dell’agopuntura da parte di un medico europeo risale al 1680 circa, grazie a Ten Rhijne, che lavorava per la Compagnia delle Indie Orientali e osservò la pratica dell’agopuntura in Giappone. Successivamente, nella prima metà del XIX secolo, ci fu un grande interesse sia in America che in Gran Bretagna, e apparvero numerose pubblicazioni nella letteratura scientifica, incluso un articolo editoriale del Lancet intitolato “Acupuncturation“.

Non fu fino a quasi 300 anni dopo che gli Stati Uniti raggiunsero il resto del mondo quando l’agopuntura fu utilizzata su un membro del Press Corps degli Stati Uniti dopo aver subito un’appendicectomia d’emergenza a Pechino, in Cina. Successivamente, squadre di medici statunitensi visitarono la Cina per saperne di più sull’agopuntura e sui suoi benefici, con un particolare interesse per il suo uso come analgesia chirurgica.

Quando si rivelò inaffidabile all’epoca, l’entusiasmo si affievolì e l’agopuntura fu respinta come pratica fraudolenta. Nonostante ciò, i pazienti per i quali i trattamenti convenzionali avevano fallito si rivolsero all’agopuntura nella speranza che potesse offrire sollievo. Poiché l’agopuntura si dimostrava gradualmente efficace, furono condotti studi che ne dimostravano l’efficacia nella gestione del dolore, nel sollievo dalla nausea e nella dissipazione del mal di testa, tra le altre cose. Successivamente, una conferenza di consenso dei National Institutes of Health (NIH) del 1997 riportò prove positive dell’efficacia dell’agopuntura.

Dagli anni ’50, gli studiosi cinesi hanno iniziato a integrare la conoscenza medica occidentale con l’agopuntura. Abbracciando questa conoscenza così come le tecnologie moderne, la professione è stata in grado di sviluppare nuovi ed efficaci metodi di trattamento. Una sintesi delle pratiche occidentali e orientali consente ai praticanti occidentali e orientali di migliorare i trattamenti e di affrontare i pazienti in modo più completo e orientato ai sistemi interi.

Il ponte tra la medicina orientale e occidentale non solo ha aiutato l’agopuntura a progredire ed evolversi, ma ne ha anche migliorato l’accettazione. Un rapporto del 1997 di una conferenza di consenso sullo sviluppo dell’agopuntura ha riconosciuto l’agopuntura come “ampiamente praticata” da migliaia di medici, dentisti, agopuntori e altri praticanti.

L’Agopuntura nella Medicina Veterinaria

Negli ultimi decenni, l’agopuntura è stata adattata anche per l’uso veterinario, rivelandosi particolarmente utile nella gestione dei disturbi muscoloscheletrici. Secondo Alimi et al. (2020), l’agopuntura consiste nella stimolazione di punti specifici del corpo, chiamati punti di agopuntura, utilizzando aghi per diagnosticare, trattare e prevenire malattie sfruttando l’azione riflessa innata del corpo. Oltre all’uso di aghi, altre forme di terapia includono l’elettroagopuntura, la moxibustione, l’aquapuntura e gli impianti di perle d’oro, tutte mirate a rafforzare e stimolare i meccanismi omeostatici del corpo.

Nel contesto veterinario, l’agopuntura è stata utilizzata con successo per alleviare il dolore, aumentare la produzione cardiaca, sopprimere il riflesso della tosse e migliorare la guarigione ossea, tra le altre disfunzioni. È particolarmente efficace nella gestione delle condizioni croniche, in cui spesso viene utilizzata come terapia complementare alla medicina convenzionale. Un esempio significativo è rappresentato dal trattamento dei disturbi muscoloscheletrici nei cani, dove l’agopuntura ha dimostrato di migliorare significativamente la mobilità e ridurre il dolore associato a disordini neurologici cervicali.

L’agopuntura è considerata sicura e viene sempre più accettata dai proprietari di animali domestici grazie alla sua natura minimamente invasiva e alle basse probabilità di reazioni avverse. In medicina veterinaria, è stata usata per trattare una vasta gamma di condizioni, comprese quelle neurologiche, ortopediche, endocrine e digestive. Per esempio, nel caso di displasia dell’anca o malattie del disco intervertebrale, l’agopuntura può aiutare a gestire il dolore e migliorare la qualità della vita degli animali colpiti.

La pratica dell’agopuntura veterinaria ha visto un notevole incremento di interesse e applicazione negli ultimi 30 anni, portando alla creazione di organizzazioni di agopuntura veterinaria in molti paesi sviluppati e alla considerazione di includere l’agopuntura nei curricula di formazione veterinaria. Nel 1996, l’American Veterinary Medical Association ha riconosciuto l’agopuntura come una terapia complementare valida per la cura medica veterinaria, supportata da rapporti scientifici che ne validano l’efficacia per le malattie umane e animali.

Questa integrazione della medicina tradizionale cinese nella medicina veterinaria moderna rappresenta un significativo passo avanti nell’offerta di opzioni terapeutiche più complete e olistiche per gli animali, dimostrando come pratiche millenarie possano essere adattate e utilizzate efficacemente nel contesto della medicina veterinaria contemporanea.

A. Ceserani

Fonte: Palm Beach Equine Clinic; Hao JJ, Mittelman M. Acupuncture: past, present, and future. Glob Adv Health Med. 2014 Jul; Alimi OA, Abubakar AA, Yakubu AS, Aliyu A, Abulkadir SZ. Veterinary acutherapy in management of musculoskeletal disorders: An eye-opener to the developing countries’ veterinarians. Open Vet J. 2020 Oct

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
avantea logo
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo