Encefalite Equina Orientale: vaccinazione, prevenzione e trattamento

Advertisement
cavallo in paddock contro luce

Recentemente, una cavalla di 10 anni nella Contea di Jackson, Florida, è risultata positiva all’encefalite equina orientale (EEE) dopo aver manifestato segni clinici il 30 maggio, tra cui depressione, febbre, incapacità di stare in piedi e spasmi muscolari. Ma cos’è l’EEE e come si può combattere questa malattia?

Cos’è l’Encefalite Equina Orientale (EEE)?

L’encefalite equina orientale, comunemente chiamata “Triple E” o “malattia del sonno“, è causata dal virus dell’encefalite equina orientale (EEEV), un arbovirus trasmesso principalmente dalle zanzare. Gli uccelli selvatici fungono da serbatoi naturali per il virus, e le zanzare che si nutrono di questi uccelli infetti possono trasmettere il virus a umani, cavalli e altri animali.

I cavalli, però, non sviluppano livelli virali sufficienti nel sangue per contagiare altri animali o esseri umani. La malattia è rara ma estremamente grave, con un tasso di mortalità del 30% negli esseri umani e numerosi casi di gravi problemi neurologici nei sopravvissuti.

Territori più a rischio

L’encefalite equina orientale (EEE) ha una distribuzione geografica principalmente limitata alle Americhe, con una prevalenza significativa negli Stati Uniti, soprattutto lungo la costa orientale e del Golfo. Negli Stati Uniti, la EEE è stata segnalata principalmente negli stati della costa orientale e del Golfo, tra cui:

  • Florida
  • Georgia
  • Maryland
  • New Jersey
  • Massachusetts
  • New Hampshire
  • Wisconsin

Questi stati riportano la maggior parte dei casi. Le aree paludose e le regioni con abbondanti popolazioni di zanzare, come Culiseta melanura, sono particolarmente a rischio.

Al di fuori delle Americhe, l’EEE non è stata segnalata in modo significativo. La malattia è principalmente confinata al continente americano a causa della specificità del ciclo di vita del virus, che coinvolge principalmente zanzare e uccelli serbatoio presenti in queste regioni.

Fattori di Distribuzione

La distribuzione geografica della EEE è influenzata da diversi fattori:

  • Habitat delle Zanzare: La presenza di zanzare vettori come Culiseta melanura in habitat paludosi è cruciale per la trasmissione del virus.
  • Serbatoi Aviari: Gli uccelli selvatici fungono da principali serbatoi del virus, e la loro distribuzione geografica influisce sulla diffusione della malattia.
  • Clima: Le condizioni climatiche, come temperature calde e umide, favoriscono la proliferazione delle zanzare e aumentano il rischio di trasmissione del virus.

L’encefalite equina orientale rimane una malattia prevalentemente limitata alle Americhe, con un impatto maggiore negli Stati Uniti. Le misure preventive, tra cui la vaccinazione dei cavalli e il controllo delle popolazioni di zanzare, sono fondamentali per ridurre il rischio di diffusione della EEE nelle aree endemiche.

Sintomi e diagnosi

Negli esseri umani, i sintomi dell’EEE possono includere febbre, mal di testa, vomito, diarrea, convulsioni, cambiamenti comportamentali e sonnolenza. Nei casi più gravi, la malattia può portare a danni neurologici permanenti o alla morte. La diagnosi viene solitamente confermata tramite test di laboratorio che rilevano la presenza del virus nel sangue o nel liquido cerebrospinale.

Prevenzione e vaccinazione

Per proteggere sia gli esseri umani che gli animali da questa grave malattia, è fondamentale adottare una serie di misure preventive.

  1. Vaccinazione dei Cavalli: I veterinari raccomandano la vaccinazione contro l’EEE per tutti i cavalli negli Stati Uniti. Anche se è preferibile vaccinare annualmente, è importante ricordare che non è mai troppo tardi per iniziare la vaccinazione. Questo è particolarmente cruciale nelle aree ad alto rischio dove la malattia è più prevalente.
  2. Uso di Repellenti per Insetti: Per ridurre il rischio di punture di zanzare, è consigliato utilizzare repellenti per insetti quando si è all’aperto, specialmente durante le ore di maggiore attività delle zanzare, ossia dal tramonto all’alba. I prodotti con DEET, picaridina o olio di eucalipto limone sono particolarmente efficaci.
  3. Protezione delle Abitazioni e degli Stabili: È importante mantenere le case e le stalle a prova di zanzare, riparando o installando zanzariere alle finestre e alle porte. Inoltre, è fondamentale eliminare i ristagni d’acqua dove le zanzare potrebbero deporre le uova. Questo include svuotare regolarmente trogoli e secchi d’acqua.
  4. Misure di Protezione per i Cavalli: Oltre alla vaccinazione, i cavalli dovrebbero essere protetti con repellenti approvati e, se possibile, tenuti in stalle o ricoveri durante le ore di maggiore esposizione alle zanzare. Un’ulteriore misura è l’uso di “dunks” di Bacillus thuringiensis israelensis nei serbatoi d’acqua per eliminare le larve di zanzara, una soluzione non tossica per i cavalli.

Trattamenti per l’EEE

Finora, nessun farmaco antivirale si è dimostrato efficace nel trattare l’encefalite equina orientale. Il trattamento principale rimane il supporto alle funzioni vitali, che spesso richiede il ricovero in terapia intensiva con supporto ventilatorio. Non è necessario isolare i pazienti. Nei casi di encefalite grave, è comune monitorare la pressione intracranica e applicare terapie mirate a ridurre la pressione cerebrale, inclusa la craniotomia decompressiva per i casi refrattari.

Segnalazioni aneddotiche suggeriscono che l’uso di corticosteroidi possa peggiorare gli esiti, mentre la terapia con immunoglobuline potrebbe offrire qualche beneficio. Poiché attualmente non esiste un vaccino per l’EEE, la prevenzione rimane la strategia principale per controllare questa malattia emergente. La prevenzione dipende da sforzi mirati a ridurre i vettori, come la riduzione dei siti di riproduzione delle zanzare e l’uso di insetticidi, insieme a misure di protezione personale come indossare abiti protettivi e usare repellenti.

L’importanza della consapevolezza e della collaborazione

È essenziale che i proprietari di cavalli, i veterinari e la popolazione generale siano consapevoli dei rischi e delle misure preventive. Le organizzazioni come l’Equine Disease Communication Center (EDCC) svolgono un ruolo cruciale nel fornire informazioni verificate e aggiornate sulle malattie infettive, grazie al supporto di donazioni dell’industria e alla collaborazione con i professionisti del settore. L’encefalite equina orientale rappresenta una minaccia seria ma prevenibile.

Fonte: NCBI “Eastern Equine Encephalitis” di Cecilia Banda; Debopam Samanta.

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
avantea logo
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo