Karl Cook e Caracole de la Roque sempre più binomio.

Advertisement
Caracole de la Roque photo Alden Corrigan La Baule

Karl Cook e Caracole de la Roque continuano a stupire in categorie a 5 stelle.

. Caracole è ora il cavallo numero 1 negli Stati Uniti e Karl Cook è il cavaliere numero 2. Karl Cook e Caracole de la Roque (Zandor Z x Kannan GFE x Quick Star) sono stati il migliore binomio negli Stati Uniti, nello CSIO 5 di Roma e La Baule in Francia. In una vera e propria prova di resistenza, Kar
e Caracole hanno partecipato a otto prove da 1,6 M in 19 giorni, in 2 Coppe delle Nazioni e 2 Gran Premi ogni settimana.

Caracole de la Roque è il cavallo numero 1 negli Stati Uniti, secondo la classifica Rolex/USEF Show Jumping Jumping Ranking List pubblicata il 14 giugno 2024.
Dimostrando una velocità impressionante, il binomio ha vinto il Gran Premio Rolex di Roma con 1,31 secondi e ha mancato di poco la vittoria del Gran Premio di La Spezia, di 1,31 secondi e ha mancato di poco la vittoria del Gran Premio di La Baule per 0,13 secondi, in un finale quasi al fotofinish, per battere i campioni d’Europa e degli Stati Uniti.

Caracole ama competere e sembra essere all’altezza della situazione quando le categorie diventano più impegnative.
Ha una velocità molto elevata , il che la rende molto competitiva quando c’è bisogno di competere nelle gare a tempo. Ne sono prova le sue Coppa delle Nazioni, dove è stata la più veloce della squadra statunitense in ognuna delle 4 prove.

Imparare a montare Caracole per ottenere i migliori risultati è stata un’esperienza formativa per Karl, dato che lei va in hackamore non ha ferri. Inizialmente, Karl ha provato a montare Caracole con una briglia con morso pelham. Eric Navet, tecnico di lunga data di Karl, ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che
Caracole non amava montare con il pelham e ci ha fatto capire che voleva montare con l’hackamore. Quindi, Karl non ha avuto altra scelta se non quella di imparare a cavalcarla per ottenere i migliori risultati con l’hackamore”.
Caracole è sempre stata senza ferri e anche il suo precedente cavaliere, Julian Epaillard (Francia), l’ha montata in questo modo. Gareggiare nelle bellissime arene di Roma e La Baule ha rappresentato una sfida perché si svolgono su erba, che può essere molto più scivolosa che sabbia. Quando i cavalli si esibiscono sull’erba, indossano dei ramponi, che sono come dei tacchetti, ma sono avvitati nei ferri. Ma non si possono usare i ramponi senza ferri.
scarpe. Karl e il suo team hanno escogitato un piano per utilizzare scarpe di plastica. Poiché Caracole era abituato a a saltare a piedi nudi e i tacchetti possono aggiungere un peso significativo, Karl ha ideato un piano per realizzare ramponi molto leggeri, ma resistenti, utilizzando il titanio, che Karl ha lavorato personalmente.

Per la maggior parte, il piano ha funzionato alla grande… tranne che nel del Gran Premio di Roma dove a metà percorso, alcuni chiodi di una scarpa posteriore si sono staccati e la scarpa ha ruotato di 90° per poi volare via sull’ultimo salto!
Questo non ha rallentato Caracole, che ha chiuso la gara 1.31 secondi più veloce del secondo classificato.
Sia l’esibizione di Roma che quella di La Baule hanno attirato i migliori cavalieri internazionali, in quanto tutti erano in gara per entrare nelle squadre olimpiche dei loro Paesi. Ma La Baule è stato così speciale perché Caracole ha un proprio fan club di entusiasti tifosi francesi che seguono tutte le sue
performance. Molti sono accorsi allo spettacolo di La Baule per darle il bentornato alle competizioni di alto livello in terra francese.

Presentarsi a Roma e poi una settimana e mezza più tardi in uno CSIO 5* così prestigioso può essere davvero difficile per un cavallo.
Caracole si è comportata bene ed è curata da Philippe Benoit, che è stato il veterinario della squadra francese.
“Questa cavalla è stata una delle cavalle più sane di cui ho avuto la fortuna di occuparmi nella mia carriera. Questa cavalla è una guerriera e si adatta incredibilmente bene a diversi ambienti rispetto ad altri. È anche gentile e incredibilmente reattiva alla fisioterapia.

Questi recenti risultati senza precedenti si basano sull’ottima annata 2023 di Karl, in cui lui e il suo cavallo Kalinka van t’ Zorglievet è stato il cavallo dell’anno del Grand Prix USEF e Karl è stato il miglior cavaliere dell’anno della Major League Show jumping dell’anno.

Pomponio Ranch Show Manager:
Matt Edelmann
Francesca Garegnani

photo Alden Corrigan – La Baule

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
avantea logo
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo