La Polonia si prepara per Parigi – intervista a Adam Grzegorzewski.

Advertisement
Adam Grzegorzewski Polonia CSIO 2024

Per la prima volta la Polonia, dal 1980, ha qualificato le squadre per tutte e tre le discipline equestri ai Giochi Olimpici di Parigi.

Uno dei cavalieri che ha aiutato la squadra polacca di salto a ostacoli a qualificarsi è Adam Grzegorzewski, un cavaliere di 26 anni il cui percorso equestre è stato particolarmente speciale, poiché possiede il suo cavallo di punta “Issem” da quando era un puledro. Racconta a Eleanore Kelly il suo percorso nel salto a ostacoli.

La squadra polacca di salto si è qualificata a Praga nel luglio dello scorso anno, dove si sono presentate 10 nazioni dell’Europa centrale e orientale e dell’Asia centrale, e la Polonia e Israele hanno ottenuto uno degli ultimi biglietti d’oro per Parigi.

Adam non era ancora in vita quando la squadra polacca di salto ha gareggiato per l’ultima volta alle Olimpiadi, ma è stato felicissimo di aver contribuito alla qualificazione e spera vivamente di essere selezionato. “Ero in squadra a Praga e ho fatto una buona prestazione, ma tutta la squadra ha lavorato per ottenere la qualificazione. La Coppa delle Nazioni è stata estremamente entusiasmante fino agli ultimi atleti. Quando abbiamo saputo di aver ottenuto il secondo posto, che ci ha permesso di qualificarci, siamo stati felicissimi. Non riesco ancora a credere che sia successo”.

Inizio alla grande.

Quest’anno è iniziato alla grande per Adam. “Al momento ho un cavallo molto buono che è in ottima forma dall’inizio dell’anno, quindi al momento mi sembra abbastanza ottimista. Issem è il mio cavallo principale e abbiamo un piano specifico per le Olimpiadi. Scegliamo solo buoni eventi e soprattutto a livello di 4 stelle. Credo che se rimarrà in salute riusciremo ad entrare in squadra per le Olimpiadi”.

L’ultima volta che la Polonia si è qualificata per il salto a squadre è stato alle Olimpiadi di Mosca del 1980, dove ha vinto l’argento a squadre e il compianto Jan Kowalczyk l’oro individuale. Da allora lo sport equestre di alto livello ha sofferto un po’ in Polonia, ma sembra che le cose stiano cambiando di nuovo e l’interesse e la partecipazione in Polonia stanno crescendo rapidamente, spiega Adam.

“Abbiamo sempre più cavalli in grado di saltare il livello due stelle e il livello nazionale sta crescendo molto in questo momento, quindi sembra davvero ottimistico per il futuro avere un maggior numero di binomi che saltano negli show seri. Quest’anno abbiamo tutte e tre le discipline qualificate per le Olimpiadi. Forse non avremo grandi possibilità, ma se continuiamo a progredire in questo modo, forse tra qualche anno potremo avere la possibilità di fare qualcosa di più serio”.

La prima volta di Adam.

“Al momento non c’è un grande gruppo di cavalieri tra cui scegliere, perché non abbiamo molti cavalli di livello adeguato. Se riuscirò a partecipare alle Olimpiadi e tutto andrà bene, sarà la mia prima volta. Sarebbe estremamente speciale. Sarebbe un sogno che si avvera anche solo essere lì. Ecco perché quest’anno abbiamo pianificato tutto per prepararci e trovare i migliori spettacoli per allenare il cavallo nel miglior modo possibile”.

Adam rivela di essere caduto nel mondo del jumping. “È stato un po’ per caso. Ho iniziato con i pony e poi la cosa è diventata più seria. Mi piace tutto: i cavalli, l’equitazione, l’allenamento e le gare. Ora monto circa 16 cavalli, da quelli molto giovani fino ai cavalli da Gran Premio. Facciamo un po’ di tutto e affitto un maneggio vicino a Toruń, una grande città della Polonia. Prima allenavo cavalieri, ma al momento mi sto concentrando solo sullo sport e compriamo cavalli giovani per poi venderli quando sono un po’ più grandi”.

Adam è stato un grande sostenitore delle Longines EEF Series e l’anno scorso ha saltato tutte le gare: le qualificazioni in Danimarca e Norvegia, seguite dalle semifinali a Deauville e dalle finali a Varsavia. “Mi ha aiutato molto a far crescere i cavalli a un livello superiore e ad acquisire esperienza per gli spettacoli più importanti”.

Issem, il cavallo della vita.

“È un cavallo speciale, soprattutto per me perché l’ho avuto fin da puledro. È uno dei migliori cavalli che si possano trovare, ho imparato tutto su questo cavallo. Ho saltato due e tre stelle con altri cavalli, ma non con risultati davvero speciali, mentre con lui ho saltato fino a 5 stelle e anche i miei primi europei. È semplicemente fantastico. È come un cavallo da sogno: è super da montare e molto facile in campo. È davvero un combattente e vuole fare tutto per me”.

Adam sta gestendo le sue aspettative in vista delle Olimpiadi. “È piuttosto difficile per me arrivare agli spettacoli a cinque stelle. Ho molta esperienza nei quattro stelle, ma non ho mai saltato in spettacoli davvero importanti e forse ne salterò solo uno prima delle Olimpiadi, quindi è davvero molto difficile dire cosa riusciremo a fare lì, quando non saltiamo a questo livello. Quindi voglio solo prepararmi al meglio e fare il miglior giro che posso fare e poi sarò felice”

Longines EEF Series

.

La Longines EEF Series è una competizione di Coppa delle Nazioni concepita per sviluppare cavalli e cavalieri attraverso un’esposizione costante a eventi di qualità e a competizioni a squadre, in sostituzione della serie di Coppa delle Nazioni di Divisione 2 precedentemente conosciuta. Gli eventi, che si svolgono a 3* e 4*, si concentrano sulla crescita dell’ampiezza e della profondità dei talenti per portare più binomi ai massimi livelli, da tutte le nazioni d’Europa. La EEF è fermamente convinta che possiamo contribuire a salvaguardare il futuro di questo sport fornendo uno sviluppo continuo, che la Longines EEF Series si propone di fornire.

La serie si svolge in un formato di coppa delle nazioni in cui le squadre si sfidano in due round, con percorsi identici. Entrambi i giri si svolgono secondo la Tabella A contro il tempo. Quattro cavalieri per squadra partecipano a ciascun round, con i migliori tre punteggi che contano per il totale della squadra. In caso di parità dopo due prove, un solo cavaliere di ogni squadra parteciperà al jump off.

Longines; Con sede a Saint-Imier.

In Svizzera, gli orologiai Longines vantano un’esperienza ricca di tradizione, eleganza e prestazioni. Con generazioni di esperienza come cronometrista ufficiale di campionati mondiali e come partner di federazioni sportive internazionali, Longines ha creato negli anni un rapporto forte e duraturo nel mondo dello sport. Conosciuta per l’eleganza dei suoi segnatempo, Longines fa parte di Swatch group Ltd., leader mondiale dell’orologeria. Il marchio Longines, con il suo emblema a clessidra alata, è presente in oltre 150 Paesi.

KEP Italia è un produttore di caschi da equitazione ed è stata fondata nel 2007, sulla base della passione delle sue fondatrici, Lelia Polini e Bianca Collet-Serret. Il loro obiettivo era quello di ricercare e produrre caschi più confortevoli, più sicuri e più innovativi di quelli attualmente disponibili sul mercato, un obiettivo che le ha portate a esplorare e combinare le migliori soluzioni in termini di design, tecnologia, materiali e sicurezza.

La Federazione Equestre Europea (EEF) è l’organo di rappresentanza delle Federazioni Equestri Nazionali con sede in Europa. Lavorando a stretto contatto con la Federation Internationale Equestre (FEI) e le Federazioni nazionali, la EEF si adopera per massimizzare il potenziale e lo sviluppo dell’equitazione in tutto il continente. L’EEF si impegna a promuovere lo sport equestre e le sue buone pratiche, a sviluppare lo sport in tutta Europa e a fornire una leadership per una voce collettiva europea in questo sport.

Interview by Eleanore Kelly

Images Dava Palej and Lukasz Kowalski

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
avantea logo
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
Kep Italia
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo