Richard Vogel “Salire in cima alla classifica FEI di Salto Ostacoli è come realizzare un sogno”

Advertisement
Richard Vogel and United Touch S @ Rolex Ashley Neuhof

“Sono onorato e contento di far parte del consiglio IJRC”

Richard Vogel, che sta per festeggiare il suo 27° compleanno, è uno dei cavalieri più attesi al Dutch Masters di ‘s-Hertogenbosch che si sta tenendo in questi giorni. Dopo la sua memorabile vittoria nella tappa ginevrina del Rolex Grand Slam of Show Jumping con United Touch S, il giovane cavaliere tedesco si presenterà nella leggendaria Brabanthallen come un vero e proprio concorrente in questo prestigioso circuito.

Il tradizionale evento olandese (7-10 marzo) sarà l’ultimo Major della decima edizione del Rolex Grand Slam of Show Jumping, che è iniziato con il CHIO di Aquisgrana all’inizio dell’estate 2023 per poi proseguire con lo CSIO di Spruce Meadows e il CHI di Ginevra.

Questo concorso riporterà Richard Vogel in Europa (la sua sede è a Dagoberthausen) dopo la lunga trasferta a Wellington, dove ha ottenuto un numero significativo di risultati (1° nel Gran Premio CSI5* con United Touch S e 2° nel Gran Premio CSI3* con Seven de l’Equipe), che sono stati determinanti per il suo percorso verso la “Top Ten” della FEI Jumping Rankings: ora è 9° dopo l’aggiornamento di fine febbraio.

In tre anni, Richard ha letteralmente bruciato le tappe della classifica. La sua posizione attuale è certamente gratificante ma allo stesso tempo impegnativa per lui. Tutti gli occhi sono puntati sul cavaliere pragmatico e laborioso, e su United Touch S, il suo incredibile stallone baio (un Westfalen di 12 anni) soprannominato “l’extra-terrestre”.

“Vincere il Gran Premio Rolex Grand Slam di Ginevra la prima volta che ho partecipato… Mi ci è voluto un po’ per capire che non era un sogno. Sono orgoglioso perché questo risultato è frutto di un grande lavoro di squadra che coinvolge molti professionisti appassionati. Salire in cima alla classifica FEI ha portato grandi cambiamenti. Ero sempre stato in disparte e il gruppo di testa della classifica sembrava un miraggio. Sono sempre stato considerato un outsider anche dai miei colleghi che da anni sono ai vertici della classifica. Invece ora tutti gli occhi sono puntati su di me, il che è piacevole ma allo stesso tempo opprimente. La pressione è forte se si pensa soprattutto che si è considerati anche un esempio per le nuove generazioni che guardano a te e vogliono ispirarsi al tuo modo di guidare”.

Richard Vogel ha molto a cuore il futuro di questo sport e della nuova generazione che rappresenta. Proprio per questo è molto felice di essere stato nominato membro del consiglio di amministrazione dell’International Jumping Riders Club.

“Ho avuto una grande opportunità. All’inizio pensavo di non avere abbastanza esperienza per una posizione così impegnativa, di essere troppo giovane. È stato Ludger Beerbaum a incoraggiarmi ad accettare. Non importa quando si inizia, si impara con il tempo”, mi disse. – È così che si acquisisce esperienza”. Sono molto motivato per questo ruolo. Penso che il mio contributo sia utile proprio perché sono giovane e rappresento una categoria di corridori che saranno i campioni di domani. Lavorare per il bene comune e per il futuro del nostro sport è importante e non sono proprio il tipo capace di stare con le mani in mano a criticare le regole e i progetti non condivisi. Non si possono cambiare le regole da un giorno all’altro. Abbiamo uno sport bellissimo e dobbiamo essere attivi per far sì che tutto prosegua nella giusta direzione. Ho avuto la fortuna di poter partecipare alla 2020 Young Riders Academy, che è stata per me un’esperienza di crescita importante”.

United Touch S è il cavallo che più di tutti lo ha aiutato a salire di livello. “Non riesco a smettere di ringraziarlo per la sua performance a Ginevra. Meraviglioso. Lo monto da meno di due anni ed è ancora di proprietà del suo allevatore, Julius-Peter Sinnack, che lo segue con grande passione ogni volta che può in tutte le competizioni. Quando è arrivato nelle nostre scuderie, è stato assegnato a Sophie Hinner, la mia fidanzata, ma ben presto si è rivelato troppo forte per lei e quindi è passato a me. Fin dal primo momento in cui l’ho montato, mi sono reso conto che non aveva eguali rispetto a tutti gli altri cavalli che ho avuto a disposizione finora: un vero e proprio aereo”.

Richard Vogel non porterà United Touch S al Dutch Masters, ma un altro dei suoi ottimi cavalli, Cepano Baboulet. Come ha dichiarato il cavaliere tedesco, “l’arena di ‘s-Hertogenbosch è più piccola di quella del CHI di Ginevra e credo che gli si addica meglio”.

Fonte comunicato stampa IJRC | Richard Vogel and ­­­United Touch S @ Rolex / Ashley Neuhof

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
Progetto senza titolo1
Tenuta Monticelli logo
Logo Acavallo
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
logo KEP
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo