Trionfo per Daniel Coyle e Legacy nella FEI World Cup di Lipsia

Advertisement
Daniel Coyle (IRL) riding Legacy

Martin Fuchs e Steve Guerdat hanno completato il podio

Lipsia, Germania – Ieri, domenica 21 gennaio, nella Longines FEI Jumping World Cup di Lipsia per la decima tappa della Western European League 2023/2024, il cavaliere irlandese Daniel Coyle e la splendida cavalla di 14 anni Legacy si sono aggiudicati la vittoria. In un barrage ricco di colpi di scena e che ha visto partire 13 binomi, il cavaliere ha dimostrato ancora una volta il feeling con la sua partner di luga data, sfidando il tempo ed aggiudicandosi la main class del weekend.

Quaranta cavalieri provenienti da 15 Paesi si trovavano sull’ordine di partenza del primo roud, ma sono stati gli svizzeri Martin Fuchs con Commissar Pezi e Steve Guerdat con Double Jeu d’Honvault a piazzarsi al secondo e terzo posto, superando il percorso progettato dallo chef de piste Frank Rothenberger rispettivamente in 32.13 e 33.78 secondi.

Mentre i francesi Kevin Staut, in sella a Beau de Laubry Z, ed Edward Levy su Eify du Pic, hanno concluso rispettivamente al quarto e quinto posto, lo svedese Rolf-Goran Bengtsson si è guadagnato la sesta posizione con Zuccero HV.

Il mese scorso, nell’ottava tappa di Londra della World Cup WEL, sembrava che Coyle fosse destinato alla vittoria, fino a che i cavalieri di casa Scott Brash e Ben Maher non gliel’hanno strappata di mano negli ultimi istanti della competizione. Era da tempo, quindi, che l’irlandese aspettava questo momento e con i suoi 31.70 secondi è riuscito a superare la concorrenza, aggiudicandosi la categoria.

Legacy è diversa da qualsiasi altro cavallo che abbia mai montato. Una volta che le chiedi di fare qualcosa, se è in grado fisicamente di farlo, lo fa!”, ha dichiarato Coyle, felice di sapere di essersi ora qualificato per la Finale della Longines FEI World Cup 2024 che si terranno ad aprile a Riyadh.

Il jump-off della FEI World Cup di Lipsia

Tra i 13 binomi che sono rientrati in campo nel barrage dopo aver concluso il primo giro della World Cup di Lipsia senza errori, il primo dell’ordine di partenza è stato il tedesco Daniel Deusser, in sella al suo nuovo compagno, Gangster v/h Noddevelt che ha scartato l’oxer sul fosse, finendo con 4 sfortunate penalità in 43.39 secondi. Poi è stata la volta dell’irlandese Michael Duffy, in sella a Cantano 32, che ha chiuso il giro con un errori prima che il britannico Robert Whitaker ritornasse in arena con Vermento e finisse in 41.76 secondi senza errori: il primo netto ha stabilito il primo obiettivo da raggiungere per il resto dei cavalieri in gara.

Kevin Staut ha mostrato tuttavia che il tempo fosse facilmente raggiungibile quando ha concluso il percorso in sella a Beau de Laubry Z in 34.25, finendo in vantaggio. Un vantaggio durato ben poco, visto che il cavaliere successivo, il Campione Europeo in carica Steve Guerdat, ha subito ridotto il tempo di Staut di mezzo secondo catapultandosi in testa alla classifica provvisoria con Double Jeu d’Honvault.

Poi è arrivato il turno di Daniel Coyle e Legacy: i due sono partiti velocissimi fin da subito, facendo palesement capire al pubblico e agli altri concorrenti che la l’obiettivo fosse quello di vincere. Il tempo finale di 31.70 secondi, ha posizionato l’irlandese il cima… era chiaro sarebbe staato difficile raggiungerlo, ma ancora dovevano entrare in campi diversi campioni e tutto era ancora da decidere.

Quel tempo sarebbe stato superato, ma non dal tedesco Christian Ahlmann, in sella a Mandato van de Neerheide, e neanche da Kendra Claricia Brinkop, su In Time: entrambi hanno finito il percorso ciascuno con quattro penalità, finendo per accontentarsi rispettivamente della tredicesima e della decima posizione. Hans Dieter Dreher e Vestmalle des Cotis hanno tagliato il traguardo in un tempo ancora inferiore rispetto a quello di Coyle e Legacy, 31.45 secondi, ma purtroppo hanno abbattuto il verticale finale della linea, finendo al nono posto.

Il francese Edward Levy su Eufy du Pic e lo o svedese Rolf Goran Bengtsson, in sella a Zuccero, hanno seguito con dei percorsi netti e più lenti, una strategia vincente che ha regalato loro rispettivamente il quinto e sesto posto della classifica.

Il campione europeo del 2017 e medaglia d’oro olimpica a Tokyo, lo svedese Peder Frecricson, non si è trattenuto, voleva palesemente portare a casa la vittoria. Tuttavia, nonostante il giro magistrale con SV Vroom de la Pomme in soli 31.29 secondi, si è dovuto accontentare dell’ottavo posto come cavaliere più veloce con quattro penalità.

Mancava solo il campione del Mondo del 2022, Martin Fuchs, rimasto con Commissar Pezi: il binomio ha tagliato il traguardo in 32.13 secondi riuscendo così a conquistare il secondo posto.

Classifica completa qui

Classifica generale provvisoria Longines FEI Jumping World Cup Western European League 2023/2024 qui

Foto Copyright ©FEI/Leanjo de Koster – Daniel Coyle (IRL) riding Legacy – winners of the Longines FEI Jumping World Cup™ 2023/24 – Leipzig (GER)

Articoli correlati

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
logo Stephex Horsetrucks
logo veteaching
IMG 7016
IMG 7017
logo KEP
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo
powerline logo