Amicizia fra puledri

Advertisement
HSJ c 1

Il comportamento dopo la nascita

In natura i puledri durante le prime quattro settimane di vita sono in simbiosi con la madre; dopo questo periodo di tempo iniziano a “relazionarsi” con il resto del gruppo e soprattutto con i loro pari, cioè con i puledri coetanei. Le attività comportamentali fra i puledri hanno l’obiettivo di socializzare. Molto spesso si formano gruppi di due puledri e a seconda della tipologia della coppia si osservano giochi e comportamenti diversi. Tra puledri di sesso maschile le attività hanno soprattutto gli obiettivi di potenziare la muscolatura e migliorare l’agilità. Non dobbiamo quindi stupirci di osservare delle simulazioni di scontri. Invece nel gruppo formato da un puledro maschio e da uno femmina spesso il comportamento più rilevante è di affiliazione, cioè di contatti mirati al contatto fisico o al riconoscimento olfattivo. Più di rado da queste coppie si osservano giochi come il combattimento. Molto particolare è il comportamento fra la coppia di due puledre femmine. Infatti questo gruppo dimostra un particolare attaccamento che in molti casi può durare per tutta la vita, anche con il passaggio in età adulta.
Al di là del sesso si può riscontrare un legame speciale, che a volte si origina proprio durante la più giovane età, fra cavalli in età adulta. Un comportamento tipico è la mancanza di aggressività fisica, che si riscontra verso gli altri componenti del branco, ma ai propri “amici” si inviano solo segnali di avvertimento limitati, come ad esempio l’abbassamento delle orecchie.

Testo e foto Marta Fusetti

© Riproduzione riservata.

Rimani aggiornato sulle news di Horse Show Jumping

Iscriviti alla newsletter
Advertisement
Logo stephex
logo VeTeaching
IMG 7016
IMG 7017
logo KEP
logo Porrini Spa
club ippico euratom ogo
powerline logo